ultime notizie

Valeria Bissacco e le sue foto ...

Le foto a volte raccontano più di tante parole. Quante volte abbiamo sentito questa frase. Per certi versi una frase “fatta” come si suol dire, ma un fondo di verit ...

Carlo Ozzella

Demoni

I primi due cd del cantautore milanese Carlo Ozzella, datati 2014 e 2016, pur avendo ottenuto positivi riscontri, erano alquanto differenti. Il primo, Il lato sbagliato della strada, era molto legato a sonorità springsteeniane, e conteneva nove tracce in italiano e quattro in inglese. Il secondo, Storie della fine di un’estate, includeva solo brani in italiano, alcuni dei quali rispecchiavano ancora la passione per il Boss, ma in molti altri erano evidenti contaminazioni con la musica d’autore ed il folk, grazie anche all’utilizzo di strumenti come organo hammond, fisarmonica e violino. Con l’uscita del recentissimo Demoni, Carlo Ozzella è riuscito a sorprenderci, cambiando ancora una volta rotta, in modo deciso.

Demoni contiene dieci tracce originali, tutte in italiano, ma per la prima volta Carlo non utilizza, in nessun brano, uno strumento caratteristico e caratterizzante come il sax, tanto caro alle sonorità in stile E Street Band e anche pianoforte e tastiere, hanno un ruolo minimale. Le canzoni si basano principalmente sulle chitarre, suonate da Paolo Quaglino e dallo stesso Carlo, e sull’affiatata sezione ritmica formata da Roberto Cito al basso e Federico Paulovich alla batteria. Rispetto a Storie della fine di un’estate mancano però gli accostamenti al folk ed alla canzone d’autore, e la via intrapresa è quella di un pop/rock, più immediato e accattivante.

Demoni è prodotto e suonato in modo professionale e impeccabile, ma crediamo che, giunto al terzo album, Carlo Ozzella debba intraprendere una strada, se non definitiva, perlomeno ben definita, seguendo su cd il percorso a lui più congeniale e continuando a sfruttare il più possibile le doti di performer in concerto, situazione dove si dimostra a suo agio e riesce sempre a dare il meglio di sé.

Foto di Andrea Furlan

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Paolo Quaglino, Carlo Ozzella
  • Anno: 2017
  • Durata: 34:48
  • Etichetta: Autoprodotto / IRD

Elenco delle tracce

01. Belle aurore
02. Non sarai sola mai
03. Tutta la notte
04. Troppo tardi ormai
05. Gabbie
06. Pagine
07. Non è mai finita
08. L’ultima corsa
09. Demoni
10. Com’è giusto che sia

Brani migliori

  1. Pagine
  2. L’ultima corsa
  3. Com’è giusto che sia

Musicisti

Carlo Ozzella: voce, chitarra acustica, chitarra elettrica  -  Paolo Quaglino: chitarra elettrica, chitarra acustica  -  Roberto Cito: basso  -  Federico Paulovich: batteria  -  Larsen Premoli: organo Hammond, percussioni  -  Stefano Gilardoni: pianoforte