ultime notizie

Santi Scarcella Trio a Trieste il ...

Da Manhattan a Cefalù Cantautore, musicista e compositore, Santi Scarcella (siciliano di origine ma romano d'adozione), proporrà domenica 18 ottobre 2020 a Trieste il suo concerto jazz dal titolo ...

Nicola Piovani

Epta – Suite strumentale in sette movimenti per sette esecutori

Epta, ovvero sette. Sette come le note, come le porte di Tebe, come i giorni della settimana. Sette sono gli angoli dell’ettagono, l’unica forma geometrica che i greci non riuscirono a disegnare, nonostante gli insegnamenti di Platone. Nicola Piovani in questo disco affronta il tema della matematica, legata al fascino del numero sette che da sempre è stato oggetto di studi e poesie. In questa suite strumentale in sette movimenti per sette esecutori, Piovani realizza un progetto che da parecchi anni cercava di portare a termine. E’ un opera complessa quella del grande compositore, che regala all’ascoltatore piccoli fermi-immagine che si snodano sul pentagramma. L’ettagono, che apre la suite, è una carambola di forme algebriche che ripristina “Fra martino campanaro” e la viviseziona pezzo per pezzo, quasi facendone perdere il contorno centrale. Piovani si diverte a prendere questo motivetto conosciuto da tutti e passarlo dalla scala maggiore a minore, spezzettando il ritmo simmetrico, chiave di lettura la si ritroverà poi per tutto il disco. Una colonna sonora del numero sette, potrebbe essere dunque definita così questa opera mai scontata, che Piovani ha definito autobiografica poiché raccoglie tutta la sua carriera, tutti i suoi ricordi. Qui si possono sentire quelle sonorità che per coloro che conosco bene “Storia di un impiegato” di Fabrizio De André sono sicuramente famigliari, ma anche movimenti arabeggianti all’interno dei vari dialoghi tra gli strumenti o veri e propri richiami alla musica del primo novecento e alle grandi colonne sonore di quarant’anni di musica. Piovani riesce in ogni traccia a mantenere quella tensione e quella trama sinfonica che si ripete per tutta la suite senza mai cedere il passo all’improvvisazione. E’ un atto dovuto ad un disco che nasce da un concetto matematico, e proprio per questo, ogni singola nota è frutto di espressioni algebriche, di una progettualità numerica che porta comunque tutto vero il risultato finale: “Epta”.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Pietro Colasanti & Cristina Piovani
  • Anno: 2008
  • Durata: 60:52
  • Etichetta: Egea Music

Elenco delle tracce

01. L’ettagono
02. Sette contro Tebe
03. Il Papiro di Rhind
04. Il Settimo Sigillo
05. Come vi piace (William Shakespeare)
06. La Danza dei Sette Veli
07. Sette paia di scarpe (Giosuè Carducci)

Brani migliori

  1. L’ettagono
  2. Il settimo sigillo
  3. La danza dei Sette Veli

Musicisti

Alessio Mancini: flauto
Luca Velotti
: sassofono/clarinetto
Fabio Ceccarelli
: fisarmonica
Eszter Nagypal
: violoncello
Andrea Avena
: contrabbasso
Ivan Gambini: percussioni/batteria
Nicola Piovani: pianoforte