ultime notizie

Venerdì 1 Marzo a Buccinasco la ...

Ce l’avevo quasi fatta, l’ultimo lavoro discografico degli Alti & Bassi (clicca qui per la recensione) esce ufficialmente nei negozi e sulle piattaforme digitali il 22 febbraio, dopo un ...

Ettore Giuradei

Era che così

Strampalato ed eccentrico, il secondo disco di Ettore Giuradei mischia folk, jazz e canzone d’autore per rivestire con freschezza e agilità dei testi che sembrano filastrocche nonsense («Non so neanche quando mangia il cane / non so nemmeno chi gliene darà / chi mai sarà / non che io e i cani siamo lontani / ma il cappottino non lo sopporto»), altre volte raggiungono livelli poetici notevoli (Guardami) o esprimono un disagio sentimentale e quasi esistenziale (Zingara). Comunque non sono mai banali, ma anzi dietro un’apparente ingenuità svelano una capacità di scrittura che stupisce. I versi del cantautore bresciano ci strappano sorrisi e ci comunicano pure l’assurdità della vita, di un mondo che ci ostiniamo a prendere su serio, a voler spiegare, ma che in fondo decifrabile non è (Stupito), infondendo alla fine un senso di straniamento aumentato dalla voce, quasi comica, ma da grande istrione.

I musicisti che lo accompagnano sono tutti giovani ma davvero bravissimi. Menzione speciale per il pianista, Marco Giuradei, il cui tocco dà una personalità e un ritmo particolari a tutto il disco. Con Pasolini (tratto dalla poesia “Vittoria” dello stesso autore) si raggiunge uno dei picchi qualitativi dell’intero lavoro: Giuradei dimostra di sapersi confrontare con un classico della nostra letteratura e di sapere adattare il suo stile di canto “narrativo” alla prosasticità di un poeta che fa del racconto una delle sue cifre stilistiche.
Ripulita da certe cadute nel demenziale (Culo sulla lavatrice) risalterebbe ancora di più la vena surreale del disco, sicuramente il punto di forza di questo autore maturo e convincente, che con la sua personalità marcata e il suo talento si è già ritagliato un posto riconoscibile nella nostra nuova canzone d’autore.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2008
  • Durata: 31:17
  • Etichetta: Mizar Records/Novunque/Self

Elenco delle tracce

01. Era che così
02. Prendimi in un mazzo di fiorellini
03. La zingara
04. Stupito
05. Un attimo prima di dormire
06 .Culo sulla lavatrice
07. Pasolini
08. Guardami
09. Epilogo (purificazione)

Brani migliori

  1. La zingara
  2. Prendimi in un mazzo di fiorellini
  3. Pasolini

Musicisti

Ettore Giuradei: chitarra acustica
Marco Giuradei
: pianoforte, cori e vibes
Danilo Di Prizio
: chitarra acustica
Domenico D'Amato
: contrabbasso
Giuseppe Mondini
: batteria
Vincenzo Albini
: violino