ultime notizie

20 novembre: giornata mondiale per l ...

  L’anno prossimo, nel 2019, compirà trent’anni la ‘Giornata internazionale per l’infanzia e l’adolescenza’. Già, perché esattamente il 20 novembre del 1989, nella sala delle Nazioni Unite ...

Diego Nota

Esercizi per scomparire

Sei tracce che si lasciano ascoltare con una facilità ed un piacere che stupisce. Ogni traccia di Esercizi per scomparire di Diego Nota racconta lo stato d’animo di un diverso protagonista che non riesce a raccapezzarsi in questo mondo ed inevitabilmente finisce col perdere qualcosa: la forma, l’espressione, la pazienza, le amicizie, il lavoro o la speranza. L’analisi della società attraverso gli occhi del cantautore non è piacevole e non deve esserlo per la natura stessa dall’autore a cui non interessano particolarmente i canoni “commerciali”, non ha paura di sbilanciarsi, non ha paura di dipingere la realtà per quella che è la sua visione e non ha paura dei giudizi altrui.

Dal punto di vista dei testi, dunque, un album alternativo mentre gli arrangiamenti si rifanno alla synthwave e alla musica elettronica, approccio mutuato dalla musica internazionale che sempre più frequentemente prende piede tra i “grandi” e i “meno grandi” del Belpaese. In Anarchia Cordis (primo album dell’autore laziale) la rabbia e la ribellione facevano da sfondo alle tematiche trattate mentre  in questo nuovo lavoro trova spazio lo sconforto e lo smarrimento di una generazione che sembra essere conscia del proprio fallimento e si lascia trasportare dagli eventi. I protagonisti (dell’album e di riflesso della società che ci racconta l’autore) sembrano volersi allenare alla perdita per evitare cadute e ricadute psicologiche: se si è destinati a fallire, tanto vale essere pronti. Le atmosfere elettroniche trascinano l’ascoltatore in un mondo parallelo, malinconico e a tratti nostalgico, rispecchiando così l’umore dei testi dalle metriche vocali più cantautorali (Baustelle e Gazzè sembrano fare capolino di tanto in tanto).

Una disamina sociale dura, che lascia comunque intendere che non tutto è perduto e che la forza d’animo necessaria a prepararsi al fallimento è la stessa che può portare al riscatto, perché quando si è abituati a perdere si è indistruttibili. E se si è indistruttibili si è invincibili.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Diego Nota
  • Anno: 2018
  • Durata: 18:26
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Il Mare e la torta
02. L’estate passa in fretta, Charlie Brown!
03. Non sono di Latina
04. Non dipende da noi due
05. Piangono le ragazze
06. Kong

Brani migliori

  1. Non sono di Latina
  2. Kong