ultime notizie

20 novembre: giornata mondiale per l ...

  L’anno prossimo, nel 2019, compirà trent’anni la ‘Giornata internazionale per l’infanzia e l’adolescenza’. Già, perché esattamente il 20 novembre del 1989, nella sala delle Nazioni Unite ...

Priscilla Bei

Facciamo finta che sia andato tutto bene

Elettronica, pop, jazz, cantautorato...difficile definire un genere specifico per questo album dal titolo Facciamo finta che sia andato tutto bene ma d’altronde è difficile farlo con quasi tutti gli album degli ultimi cinque anni (almeno, ma facciamo anche dieci). La stessa cantautrice Priscilla Bei cerca di inserirsi in un genere specifico senza riuscirci: vista la personalità multiforme dell’artista, non sorprende il fatto che non ci riesca.

La commistione di generi, molto apprezzata dal sottoscritto sempre e comunque, non è solo intrinseca in ogni traccia ma anche tra una traccia e la seguente: i generi si miscelano e si alternano sapientemente creando nell’ascoltatore uno spaesamento piuttosto piacevole. E i testi accompagnano le musiche. O le musiche accompagnano i testi. E’ difficile capire cosa sia venuto prima tanto è azzeccata l’accoppiata: l’unico modo di sapere che testi e arrangiamenti non sempre sono stati scritti dalla stessa persona è leggendo i crediti dell’album.

L’ultimo brano Autostrada è una chicca: a metà tra una ghost track e una demo, un’atmosfera sincera e rilassata, un arrangiamento “post-prodotto” sulla traccia originale e l’effetto finale è strano e piacevole al tempo stesso. Un album energico e riflessivo che tratta dei temi più vari: amore non corrisposto, storie di marinai e vita di porto, desiderio che le istantanee diventino reali, tutto in una successione altalenante, quasi da montagne russe. Tante sperimentazioni in un disco attuale ma con un substrato retrò sempre presente e percettibile.

L’impressione finale quella è di un lavoro che scivola via molto piacevolmente e che vocalmente l’artista possa osare molto di più: sicuramente è andato tutto bene, il futuro promette anche meglio.

 

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Lucio Leoni
  • Anno: 2018
  • Durata: 27:56
  • Etichetta: Lapidarie Incisioni

Elenco delle tracce

01. Caos
02. Ivano
03. Keplero
04. Cose serie
05. Faccio a meno
06. Livorno
07. Doveva succedere
08. La perfezione
09. Deserto
10. Autostrada

 

 

Brani migliori

  1. Caos
  2. Keplero
  3. Cose serie