ultime notizie

Christmas Favorites: il Natale visto da ...

Marco Giubileo ci ha preso gusto. Dopo The BASSoundtrack Book, EP uscito meno di un anno fa e dedicato a celebri colonne sonore riarrangiate con il basso solista (disco che ...

I Luf

Flel

Ecco tornare in azione la folk band dei Luf capitanata da Dario Canossi voce e mente del gruppo e lo fa con un disco dal titolo decisamente misterioso, il “flel” per chi non è bergamasco è il bastone che era utilizzato dai contadini per battere all’unisono il grano in un lavoro di gruppo che aveva il fine di recuperare fino all’ultimo chicco, perché nulla del raccolto andasse perso. Storie d’altri tempi potrà pensare qualcuno, lontani da questi nostri anni di sprechi ed egoismi, ma con questo disco i Luf ci danno una grande lezione: solo dalla consapevolezza delle proprie radici è possibile capire il presente, ma soprattutto costruire un futuro sostenibile. Eccoli allora parlarci di questo loro passato con la title-track Flel che vede la partecipazione di Davide Van De Sfroos che per l’occasione ha tradotto la propria strofa dal dialetto camuno a quello laghée. Ma eccoli affrontare anche temi attualissimi come l’emigrazione nella magnifica Stella clandestina in cui cantano «Lo sanno le foglie che quando parti muori / per questo cercan di baciare i fiori / volan nel vento farfalle senza ali / nel loro mondo sono tutti uguali» o la ricerca della pace in Luna di rame e di ottone una vera e propria preghiera dagli echi mediorientali «Dietro alla prossima duna / non voglio né sabbia né oro / dacci due etti di pace / dacci due chili d’amore / dacci due litri di brividi / riempi il mio cuore di lividi». Non manca poi la consueta ironia con episodi come Tira la barba al fra’ o la spassosa Littel Monchi, storia di un capo tribù che come Gesù volle camminare sulle acque in mondovisione e che, a causa delle zeppe di piombo che si era fatto fare per sembrare più alto, annegò. Non c’è invece ironia in Basta dove l’attacco all’attuale nomenclatura politica è più diretto e dove netto è lo sdegno dei Luf per una moralità ormai persa inesorabilmente, anche se musicalmente si rimane comunque su toni brillanti e leggeri. Ai vertici del disco metterei però Dal nido una delicatissima ballata dedicata a Fabrizio De Andrè e la conclusiva Vorrei un’intensa preghiera dedicata invece a mamma Felicia e Peppino Impastato, il suggello ideale ad un gran bel disco, giocato su più piani e a più velocità. Un disco che fa riflettere, ma che ha dalla sua ritmi vertiginosi che fan danzar le gambe, cosa si può pretendere di più dalla vita?

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Sergio Pontoriero e i Luf
  • Anno: 2010
  • Durata: 59:03
  • Etichetta: PerSpartitoPreso

Elenco delle tracce

01. Africa

02. Flel

03. Dal nido

04. Tira la barba al fra’

05. La neve

06. Stella clandestina

07. Furtuna

08. Angelo

09. Regina delle sei

10. Littel monchi

11. Luna di rame e d’ottone

12. Basta

13. Il treno delle sei

14. Vorrei

Brani migliori

  1. Dal nido
  2. Stella clandestina
  3. Vorrei

Musicisti

Dario Canossi: voce, chitarra Sergio “Jeio” Pontoriero: banjo, basso (2, 14), djambè, darbuka, cembalo, shaker, triangolo, batteria (3), voce Sammy Radaelli: batteria Fabio Biale: violino, mandolino, voce Cesare Comito: chitarra acustica, voce Matteo Luraghi: basso, voce Stefano Civetta: fisarmonica, voce Pier Zuin: higland bagpipe, gralla dulce in sol, flauto traverso irlandese in re, tin whistle in re, bodhran
Davide Van De Sfroos: voce (2, 4) Alex e Karim “Circo Abusivo”: (11) Davide “Billa” Brambilla: fisarmonica Davide Aldini: flauti (1, 4, 5, 10) Alberto Guareschi: contrabbasso (3, 10) Luca Zugnoni: contrabbasso Ranieri “Ragno” Fumagalli: baghet (12, 13), flauto (14) Fabio Rinaudo: uielleman pipes (13)