ultime notizie

Patrizia Cirulli interpreta Achille Lauro

Patrizia Cirulli, cantautrice milanese, rilegge e reinterpreta C'est la vie di Achille Lauro.   di Paola Piacitelli                                                               VEDI IL VIDEO Il singolo, accompagnato dal videoclip ufficiale, è distribuito dall’etichetta La ...

Le mondane

I giorni della marmotta

Dopo aver fornito  il loro apporto in varie esperienze in spettacoli teatrali e supporto a vari artisti, i Novaresi Luca Borin e Daniele Radaelli han capito di aver finalmente conseguito la giusta maturità per dar vita al progetto pop-folk  Le Mondane, ufficializzandolo col debutto I giorni della marmotta, per un totale di sette inediti e due cover . Di base è un album folk ma le suggestive  sfumature pop-cantautorali e strisciatine di jazz fan sì che risulti un disco raffinato e ben congegnato. Impostata col  solo ausilio del mandolino, l'iniziale ballad Perdermi fa presa per la sua sorprendente semplicità e le  piccole folate spettrali  inserite nel mezzo la rendono oltremodo insolita. 

Girato a San Donà di Piave, il video-single Stella e croce libra in alto con un vivace  flauto svolazzante e centrati assoli acustici di chitarra, atto  a marcare un sound dal sapore d.o.c. tradizional- popolare. La title-track esplica il senso dell'attesa per il primo sole di primavera dopo lunghi giorni freddi ad anelare un po' di caldo ma (ahimè!), se la marmotta vede la sua ombra, da oltreoceano ci insegnano che l'inverno attecchirà per molto. Invece, La grolla del Paul è un bizzarro country, frullato in andazzo ludico con inserti di frenetico Kazoo: decisamente un pezzo alla portata di tutte le orecchie desiderosi di fruire anche parentesi goliardiche. La cover di Fortis Settembre s'apprezza per la stravaganza assemblativa, poiché alcune tratte invertono la rotta originale di sostare piuttosto che acelerare le strofe e quindi, non una pedissequa riproposizione,  ma piuttosto  un restyling  riuscito. All'ingresso di Il boia di Torino sosta un mandolino di richiamo partenopeo che fa gli onori di casa accompagnando vari cambi ritmici, nei quali le tratte gitane sono un bel valore pulsante. Con qualsiasi Strumento il duo assicura variabili: infatti, con la riproposizione di  Dublino, il combo duetta proprio con il suo  pregiato autore Luigi Grechi (De Gregori), evidenziando l'idea brillante di rimodellarla con tribalismo-folk, dagli  aspetti vibranti e decisi, con inserti di cornamusa che lasciano viaggiare la mente in libero arbitrio. Ancora assaggi di tradizioni veraci nella conclusiva Sabba: un'invitante  folk-lullaby ad un convegno, non di streghe,  ma di interventi dialettali. 

Come primo atto, davvero niente male e va riconosciuto a Luca e Daniele un evidente impegno progettuale di  combinare melodie, ritmi ed atmosfere, creando quell'equilibrio azzeccato tra musica e suono della parola, evitando prevalenze gerarchiche tra le due componenti, col risultato che arriverà presto all'orecchio di molti.

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2018
  • Durata: 32:37
  • Etichetta: Alka Record Label

Elenco delle tracce

01.  Perdermi
02. Stella e croce
03.I giorni della marmotta
04. La grolla del Paul
05. Settembre
06. Il boia di Torino
07. Strumento
08. Dublino (Ft. Luigi Grechi De Gregori)
09. Sabba

Brani migliori

  1. Il boia di Torino
  2. Stella e croce
  3. Dublino

Musicisti

Luca Borin: chitarra, basso, percussioni, theremin (a voce), kazoo -  Daniele Radaelli: mandolino, chitarra, cajon, chitarre, ukulele  -  Lorenzo Prealoni: flauti dolci, cornamusa  -  Simone Stefan: flauto traverso  -  Fabiano Sacco: contrabasso  -  Sergio Quagliarella: percussioni  -  Daniela Tucci: voce intro  -  Nina Santoro: voce solista, cori  -  Giulia Santoro: cori  -  Francesca Pollastro: cori  -  Federica Guarragi: cori, darbuka