ultime notizie

TENER-A-MENTE, Festival del Vittoriale 2022: dal ...

  Martedì 7 Giugno, nella deliziosa cornice di Palazzo Broletto a Brescia, si è svolta la conferenza stampa di presentazione di ‘TENER-A-MENTE, il Festival del Vittoriale’ che si terrà dal 25 giugno ...

Nicola Lotto

Il Canto nudo

Personalità vistosa e poco incline al compromesso, è solo una delle tante lodevoli virtù che grondano dall’ideologia artistica del cantautore veneto Nicola Lotto, che rilascia il primo full-lenght Il Canto Nudo per la V-Rec e prodotto da Flavio Ferri (Delta V). Dando seguito all’e.p. Si comincia cosi di due anni fa, stavolta rafforza l’ensemble esecutivo con chicche di alt-rock intarsiato nella canzone d’autore dando così agli spartiti una rinfrescata strutturale non indifferente e con minuziosa dovizia di particolari, forte anche delle presenze dello stesso Ferri nell’umbratile sdegno di Prima che si sveglino, di Paolo Benvegnù nel compassato quanto fascinoso singolo Nel volto e di Olden nell’acido alt-rock di Parole nuove.

Per Nicola è Sacro proporsi con intento sincero e leale, che non mira al facile adescamento con formule ammiccanti ma è palese che il detto “pochi ma buoni” è per il Nostro un obiettivo molto appagante, osando calpestare anche colture indie con striscianti rimandi a Verdena e Marlene Kuntz. Dalle finestre (spalancate) del suo eloquio, soffia vento di dolente acustica filo-rabbiosa, mentre la bi-valenza caratteriale (docile-esplosiva) di Anche se brucia ti induce a non pronosticare nulla su ciò che proporrà negli atti seguenti, perché già Consolazioni tende al deflagrante monito umanistico. Sull’impalcatura dell’album Incombe (spesso) un botta-e-risposta tra dualismi emozionali, come l’amore considerato Uno spavento necessario ed imprescindibile. Al congedo piazza Nel mio polso, sfoderando un algido spoken-word: ennesimo atto disarmante, inatteso, fuorviante che ti lascia con un palmo di naso ma che fa gridare all’insolito, all’imprevedibile, all’inclassificabile stilismo cantautorale, espresso da un artista fonte di un “Canto nudo” puro e fragile, dolce e grintoso, istintivo e fieramente imperfetto. Rispetto al passato, la tensione è quella di sempre, cosi come la forza autoriale di Nicola che non demorde nell’addentrarsi negli abissi introspettivi a testa alta, senza remore e senza macchia: al limite, con l’alone del mistero che non guasta mai.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2022
  • Durata: 32:47
  • Etichetta: Vrec

Elenco delle tracce

01.  Anche se brucia
02.  Dalle finestre
03.  Parole nuove
04.  Consolazioni
05.  Nel volto
06.  Sacro
07.  Prima che si sveglino
08.  Incombe
09.  Tutti gli inverni
10.  Uno spavento
11.  Nel mio polso

Brani migliori

  1. Dalle finestre
  2. Sacro
  3. Uno spavento

Musicisti

Nicola Lotto: voce, chitarre - Marco Olivotto: basso, tastiere, chitarra - Flavio Ferri: basso, tastiera, voce, theremin - Simone Filippi: batteria - Giosi Cincotti: pianoforte - Caterina Bianco: voce - Antonella Bianco: chitarra