ultime notizie

Venerdì 1 Marzo a Buccinasco la ...

Ce l’avevo quasi fatta, l’ultimo lavoro discografico degli Alti & Bassi (clicca qui per la recensione) esce ufficialmente nei negozi e sulle piattaforme digitali il 22 febbraio, dopo un ...

Il Genio

Il Genio

Piccolo excursus geografico-musicale: lo Shibuya-kei è un sottogenere del japan-pop nato nel quartiere di Shibuya a Tokio negli anni ’90, una mistura di pop elettronico, lounge, bossa e talora jazz dalle atmosfere retrò e spesso non meno sensuali e surreali che ha generato gruppi come i Pizzicato Five, i Cibo Matto o cantanti come Kahimi Karie, la cui Una giapponese a Roma – brano che tanti appassionati di cultura trash conosceranno sicuramente – chiude questo primo disco de Il Genio, al secolo Alessandra Contini e Gianluca De Rubertis degli Studiodavoli.
I due intersecano diversi immaginari in undici canzoni vintage-pop (oltre la cover succitata) piuttosto gustose: non solo l’entertainment erotico del Sol Levante, ma anche la sensualità ultramaliziosa della coppia Birkin-Gainsbourg e certo cinema di genere che ciclicamente torna di moda. Contini canta con voce flebile da Lolita, De Rubertis lavora di tastiere e melodie a presa rapida; insieme infilano almeno quattro canzoni che comincerete a canticchiare al primo ascolto, partendo dallo scherzo anti-allunaggio di Non è possibile e passando per una Pop Porno che anche solo per il testo («tu sei cattivo con me / perché mi guardi come se io fossi un’attrice un po’ porno») sarebbe un tormentone estivo di cui andare fieri.
Le altre due (A questo punto, con il suo ritornello appiccicoso, e Gli eroi del kung-fu, omaggio alla mitologia delle arti marziali su pellicola) chiudono il cerchio di un disco elegante e ironico, che sulla lunga distanza potrebbe risultare un po’ ripetitivo ma che piacerà sicuramente a chi si innamorò dei Baustelle sensuali e passatisti de “La moda del lento” e a chi pensa che Kazu Makino dei Blonde Redhead, in quanto a “sospiri”, potrebbe fare decisamente di più.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2008
  • Durata: 41:47
  • Etichetta: Cramps-Disastro Records/Self

Elenco delle tracce

01. Le bugie di François
02. Non è possibile
03. Pop porno
04. Applique
05. Tutto è come sei tu
06. A questo punto
07. Gli eroi del Kung Fu
08. L'orrore
09. Fortuna è sera
10. Povera stella
11. La pathétique
12. Una giapponese a Roma

Brani migliori

  1. Non è possibile
  2. Pop Porno

Musicisti

Gianluca De Rubertis: tastiere voce, chitarra
Alessandra Contini
: basso, voce

Osvaldo Piliego: batteria
Francesco Sanfrancesco
: batteria su #1
Riccardo Schirinzi
: electronics
Marco Fasolo
: chitarra su #8
Andrea Garbo
: chitarra su #7
Matteo Marzaro
: violino
Enrico Filippo Maligno
: violino
Michele Sgotti
: viola
Giovanni Costantini
: cello