ultime notizie

Alice: il suo Viaggio in Italia ...

La cantautrice terrà a ottobre una serie di concerti in terra tedesca Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size ...

Valerio Manni

Il momento giusto

Un disco d'esordio a lungo atteso e finalmente arrivato. La prima fatica di Valerio Manni raccoglie canzoni scritte in un arco di tempo di quasi tre anni, tra cui Tanto è lo stesso, in collaborazione con Johnson Righeira, dove il funk più elegante si unisce a una sonorità da disco anni Ottanta dal sapore vagamente rétro.   Passando al materiale più recente, si nota subito il nuovo singolo Voglio andare a Bali, che dietro una maschera estiva e sorridente presenta il lato critico, a tratti caustico del suo autore: «alla gente non importa se fai arte oppure moda, se tu esisti o non esisti, se sei Morgan o Battisti», dice l'inizio del brano, che racconta della ricerca di una fuga dall'alienazione del mondo di ogni giorno, fatto di ipocrisia e perbenismo.   Le suggestioni esotiche ritornano qua e là nel disco: davvero molto gradevole Se fossi stato, una riflessione introspettiva che ha il pregio di mettere in luce le doti del Manni musicista, con i suoi eleganti fraseggi di chitarra.   Ciò che colpisce, fin dal primo ascolto è la grande bravura dell'artista nel saper giocare con linguaggi e fraseggi, così che ogni brano presenta caratteristiche singolari: si passa da una piacevole bossa nova come Sto comprando tutto al tono cantautorale di Marco, dal sound melodico di È così che va al funk furioso di Per non più soffrire.   Tutti i brani sono però accomunnati dallo spirito critico e anticonformista di Manni, che in quaranta minuti si scaglia contro tutto e tutti senza peli sulla lingua e forse mettendoci anche qualcosa di personale, che dà colore ma rischia di scadere in toni un po' prosastici.   Molti brani sono dedicati a figure di donne, viste da diverse prospettive e ciascuna legata a sentimenti e situazioni particolari, talvolta decisamente atipiche, come la comparsa del Marco Antonio trasformato protagonista dell'altro cavallo di battaglia del disco: Sempre nei guai, un brano di facile ascolto con un testo acuto e smaliziato.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Valerio Manni e Josh Sanfelici
  • Anno: 2009
  • Durata: 46:43
  • Etichetta: Tomato/CNI

Elenco delle tracce

01. Voglio andare a Bali

02. Marco (e l'insegnante di sostegno)

03. Strana passione

04. Per non più soffrire

05. Se fossi stato

06. Io ti darò

07. Tanto è lo stesso

08. È così che va

09. Sempre nei guai

10. Sto meglio

11. Mi sto comprando tutto

12. Vedrai, vedrai

Brani migliori

  1. Voglio andare a Bali
  2. Se fossi stato
  3. Sempre nei guai

Musicisti

Valerio Manni: chitarra, voce e cori Josh Sanfelici: programmazioni Luca Romeo: basso Elvin Betti: batteria Daniel Bestonzo: pianoforte e tastiere Capone: percussioni: percussioni in Voglio andare a Bali Johnson Righeira: voce in Tanto è lo stesso Bobby Soul: voce in Sempre nei guai Nadya: voce in Io ti darò Amik Guerrat: tromba inVedrai, vedrai Luca Biggio: sax tenore Luca Begonia: trombone, tromba Pino Romeo: sax baritono Patricio Canova: percussioni Giovanni Grimaldi: voce in Se fossi stato Enrico De Lotto: contrabbasso (Mi sto comprando tutto) Federica Macrì: cori (È così che va e strana passione)