ultime notizie

Note d’Autore: l’omaggio a ...

di Andrea Direnzo Tanti suoi brani sono hit planetarie, molti altri fanno parte della memoria collettiva musicale del nostro Paese. L’elenco sarebbe davvero lungo e finirebbe per togliere spazio ...

Sergio Cammariere

Io

Giunto all’ottavo album originale, il musicista crotonese decide di guardare indietro, nel proprio passato artistico, e quindi di autocelebrarsi con un lavoro riepilogativo dal titolo Io in cui interpreta ex novo dodici brani del repertorio cantautoriale iniziato esattamente un quindicennio fa. Rispetto agli originali, i pezzi si avvalgono di un’inedita veste sonora, grazie agli arrangiamenti per archi (la Roma Pop Orchestra), una sezione ritmica (i fidi Bulgarelli, Ariano, Marcozzi) e in un caso i fiati jazz (Rossi e Ionata in La giusta cosa) che M° Paolo Silvestri (tranne Tutto quello che un uomo e L’amore non si spiega affidati al M° Beppe Vessicchio) prepara scrupolosamente onde valorizzare al massimo la voce e la tastiera del protagonista. Si sa d’altronde che, come tanti illustri predecessori (Lucio Battisti in primis) Sergio Cammariere è più musicista (come già detto) e interprete (originalissimo rispetto agli standard vocalici italiani) che non poeta o paroliere visto che s’affida da sempre ai versi di Roberto Kunstler. E di conseguenza Io punta molto sul discorso delle sonorità, insistendo ad esempio verso rilassate atmosfere notturne dal taglio swing o persino bebop quando la tromba dell’illustre jazzman Fabrizio Bosso prende un assolo o fa da controcanto in ben otto pezzi, così come la bossanova viene evocata dal chitarrista brasiliano Roberto Taufic in altre tre canzoni. 


Ci sono anche un paio di momenti intimisti con Sila per piano solo e con Ti penserò per voce e pianoforte, non senza scordare un terzo conclusivo episodio Cantautore piccolino, in quartetto, dove anche la melodia autoreferenziale (o metalinguistica che dir si voglia) tra boogie e dixieland scopre l’insolito lato umoristico di uno delle poche figure singolari e perciò interessanti degli anni Duemila, almeno tra quelle che han saputo coniugare il successo alla qualità, senza svendersi alla banalità sanremesi.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Parco della Musica Records
  • Anno: 2016
  • Durata: 51:12
  • Etichetta: Parco della Musica Records

Elenco delle tracce

01. Tempo perduto
02. Via da questo mare
03. Tutto quello che un uomo
04. Cyrano (feat. Gino Paoli)
05. Dalla pace del mare lontano
06. L'amore non si spiega
07. Chi sei
08. Con te o senza te (feat. Chiara Civello)
09. Ti penserò
10. La giusta cosa
11. Sila
12. Cantautore piccolino

Brani migliori

  1. Tempo perduto
  2. Sila
  3. Cyrano