ultime notizie

Note d’Autore: l’omaggio a ...

di Andrea Direnzo Tanti suoi brani sono hit planetarie, molti altri fanno parte della memoria collettiva musicale del nostro Paese. L’elenco sarebbe davvero lungo e finirebbe per togliere spazio ...

Morgan

Italian Songbook Vol.1

Italian Songbook Vol. 1 è un viaggio nel tempo, ma non in senso nostalgico-“revisionista”. Si tratta di un tentativo di recuperare le gemme dell’epoca d’oro della musica italiana – in cui questa era ancora capace di influenzare e ispirare l’industria internazionale – e portarle nel presente, sperando di poterne cambiare il corso e le sorti. Il nostro novello “Marty McFly” è Marco Castoldi, meglio noto come Morgan, nuova mascotte ubiqua e onnisciente della musica italiana “di qualità”, che, affiancato dal Maestro Stefano Barzan e dalla Royal Philharmonic Orchestra, rinfresca cinque grandi successi di Endrigo, Modugno, Bindi, Ciampi e Paoli, in doppia versione italiana e inglese, con l’intento esplicito di proporre un nuovo inizio che possa rinvigorire e internazionalizzare le produzioni nostrane.
L’album si apre con Back home someday, originariamente scritta da Sergio Endrigo per il western “Le colt cantarono la morte e fu tempo di massacro”, brano energico e suggestivo che lascia intravvedere il parallelismo tra questo progetto e l’operazione tarantiniana di rivalutazione del cinema di serie B italiano e non. Già con il singolo Il mio mondo brilla l’attenzione per gli arrangiamenti, con aperture d’archi sull’impianto tradizionale piano-chitarra-basso-batteria, e le interpretazioni di questi classici più o meno noti sono sempre fedeli e appassionate, talvolta leggermente troppo enfatiche (Resta con me e Lontano dagli occhi). Meno convincenti le due parentesi “originali” del duo Castoldi-Barzan, ibridazioni di synth e orchestra che non vanno molto oltre la punteggiatura d’atmosfera.
Purtroppo, nonostante l’alta qualità del progetto, si respira soltanto un’aria da recupero di chicche – un recupero che, in realtà, ha già dato i suoi frutti in tutta la produzione solista di Morgan, di cui per certi versi questo “Canzoniere italiano” in tre volumi costituisce una premessa tardiva. Per essere un disco di cover, o, se preferite, un dejà vu musicale, svolge perfettamente la sua funzione, ricontestualizzando un repertorio di grande valore secondo un progetto artistico coerente, senza tentare scimmiottamenti gratuiti. Ma, a ben guardare, è proprio la forma del “remake” a non consentire di dar forma all’idea basilare dell’album, quella di accendere un dibattito in un mondo discografico in rapida fossilizzazione.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Stefano Barzan & Morgan
  • Anno: 2009
  • Durata: 38:51
  • Etichetta: Sony BMG

Elenco delle tracce

01. Back home someday
02. Il mio mondo
03. Resta con me
04. Lontano dagli occhi
05. Il cielo in una stanza
06. Invenzione per orchestra dati
07. Qualcuno tornerà
08. You are my world (Il mio mondo)
09. Stay here with me (Resta con me)
10. If ever you’re lonely (Lontano dagli occhi)
11. This world we love in (Il cielo in una stanza)
12. Invenzione per orchestra assolo melodica
13. That someone

Brani migliori

  1. Back home someday
  2. Il mio mondo
  3. Qualcuno tornerà

Musicisti

Marco Morgan Castoldi: voce e cori, melodica, programmazione, sintetizzatori, decostruzione sonora
Marcello Schena
: batteria
Paolo Costa
: basso
Roberto Cecchetto
: chitarra
Stefano Barzan
: pianoforte, Fender Rhodes, direzione orchestra
Royal Philharmonic Orchestra