ultime notizie

Franco Battiato, l’uomo che ci ...

  È stata una splendida e sobria serata quella che ieri sera, al teatro della Triennale, ha ricordato il “cittadino milanese” Franco Battiato, il musicista giunto dalla sua solare Sicilia per conquistare ...

Samuele Bersani

La fortuna che abbiamo

C’ero seduta tra il pubblico della serata da cui è tratto questo doppio album di Samuele Bersani. Auditorium Parco della Musica di Roma, Sala Santa Cecilia stracolma, 30 maggio 2015. Ne avevo scritto per L’Isola («Il mio mestiere è quello di portarvi altrove. Il vostro potere è quello di farmi sentire che nei luoghi che invento si possa davvero vivere») di questa festa, questo evento pieno di amici sullo stesso palco. Era stato un viaggio di qualche ora, accompagnato da applausi e commozione, dentro la carriera musicale di uno degli artisti più importanti della nostra musica. Perché chi scrive crede, oggi più che mai, che la musica abbia (possa avere) un ruolo rilevante nella nostra salita, individuale e collettiva, verso una consapevolezza che sia più profonda di quella che sembra esserci ora. E se dovessi fare una decina di nomi di artisti che i gradini di quella scala provano a salirli con noi, ecco, Samuele Bersani sarebbe in quella lista.(http://www.lisolachenoncera.it/rivista/concerti/-2060/)

È uscito per la Sony Music questo doppio cd/dvd che ferma su traccia le emozioni di quella serata (inserendo un paio di brani della serata del 12 giugno 2015 al Teatro Dal Verme di Milano con Bersani accompagnato dall’Orchestra Sinfonica dei Pomeriggi Musicali). Il primo disco ha dentro Spaccacuore, Il pescatore di asterischi (con Marco Mengoni e Gnu Quartet), Cattiva, En e Xanax, Lo scrutatore non votante, Come due somari (con Musica Nuda), Giudizi universali (feat. Carmen Consoli), Chicco e Spillo (con Caparezza), Replay, Occhiali rotti e l’inedito La fortuna che abbiamo. Ogni brano aperto dagli applausi di chi riconosce le canzoni che ama dalle prime note, e chiuso dall’affetto che si vuole a chi ha accompagnato la propria vita negli ultimi vent’anni. Il secondo disco si apre con Il mostro (presentazione di Dario Argento), Ferragosto, Le mie parole e Le storie che non conosci (con Pacifico), poi Sicuro precariato, Settimo cielo, Lascia stare, Complimenti, Freak, Canzone (con Luca Carboni) e Coccodrilli a chiudere. Tutti i brani contenuti in questo riassunto musicale sembrano essere punti ben definiti di una strada che, se ha avuto brevi arresti o deviazioni, ha tenuto sempre accanto onestà, originalità, e talento. Tappe di una corsa in bici che da Chicco e Spillo a Ex e Xanax ha affrontato tornanti, salite, ed è arrivata al traguardo senza dare spallate a nessuno, e con ancora tanta acqua nella borraccia. Perché la conclusione di una tappa va festeggiata, con gli amici, con chi ti applaude da sempre, e con te stesso. Va festeggiata anche per mettere un punto di chiusura, ché i punti servono poi a ricominciare, solitamente con la lettera maiuscola. E se La fortuna che abbiamo, unico inedito di questo album, è un po’ il sintomo del momento creativo di Bersani, c’è da aspettare un nuovo album con le orecchie protese.

Nulla di nuovo certo, solo un signore che scrive e canta da 25 anni entrando delicatamente nelle emozioni di tutti, e che per fortuna nostra sembra essere solo all’inizio.

Lo attendiamo come si attendono le cose belle.

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Samuele Bersani e Vittorio Cosma
  • Anno: 2016
  • Etichetta: Sony Music

Elenco delle tracce

Disco 1
01.  La fortuna che abbiamo
02.  Spaccacuore
03.  Il pescatore di asterischi
04.  Cattiva
05.  En e Xanax
06.  Lo scrutatore non votante
07.  Come due somari
08.  Giudizi Universali
09.  Chicco e Spillo
10.  Replay
11.  Occhiali rotti
Disco 2
01. Il Mostro
02. Psyco
03. Ferragosto
04. Le mie parole
05. Le storie che non conosci
06. Sicuro precariato
07. Settimo cielo
08. Lascia stare
09. Complimenti
10. Freak
11. Canzone
12. Coccodrilli

Brani migliori

  1. Giudizi universali (feat. Carmen Consoli e Gnu Quartet)
  2. Le mie parole (feat. Pacifico)
  3. Canzone (feat. Luca Carboni e Gnu Quartet)

Musicisti

Musicisti: Tony Pujia: chitarre acustiche, chitarre elettriche, ukulele  -  Silvio Masanotti: chitarre acustiche, chitarre elettriche, banjo  - Alessandro Gwis: pianoforte, tastiere  -  Davide Beatino: basso  -  Marco Rovinelli: batteria  -  Michele Ranieri: voci, chitarre acustiche, bouzouki, guitalele, fisarmonica, percussioni
Ospiti: Orchestra Sinfonica dei Pomeriggi Musicali  -  Marco Mengoni  -  Gnu Quartet  -  Musica Nuda  -  Carmen Consoli  -  Caparezza  -  Dario Argento  -  Pacifico  -  Luca Carboni  -  Piera degli Esposti  -  Fabio de Luigi  -  Alessandro Haber