ultime notizie

Venerdì 1 Marzo a Buccinasco la ...

Ce l’avevo quasi fatta, l’ultimo lavoro discografico degli Alti & Bassi (clicca qui per la recensione) esce ufficialmente nei negozi e sulle piattaforme digitali il 22 febbraio, dopo un ...

Simone Lo Porto

La valle dell’utopia

La valle dell’utopia è l’album d’esordio di Simone Lo Porto, cantautore milanese, grande appassionato di viaggi, di fotografia e di musica sudamericana. Undici i brani, nei quali l’artista racconta, spesso con un tocco d’ironia, storie nate nel capoluogo lombardo ma sfumate da calde atmosfere tipicamente latine. Per ascoltare adeguatamente questo disco dovreste infilarvi le infradito e partire immediatamente per una vacanza al mare piena di sorrisi, ottimismo e non meno di storie emozionanti, che Lo Porto racconta con abilità da narratore consumato mischiando solarità e attenzione per il sociale, ma anche sonorità brasiliane e fisarmoniche.

Le canzoni funzionano grazie a piccoli particolari che le rendono una ad una personali, fresche: a volte sono preziosi interventi strumentali (Stefano Iascone, trombettista degli Aretuska di Roy Paci, su Palme finte e acquari tropicali) altre un’ironia che dà risultati esilaranti e coinvolgenti (La pelle di un pollo onesto). Per influenze, Lo Porto si colloca al crocevia tra il BuenaVista Social Club, Jack Johnson, i Negrita de “L’uomo sogna di volare” e il primo Silvestri. Un mistura accattivante nata da quattro mesi su e giù per l’America Latina per un totale di diecimila chilometri a bordo di uno studio mobile sovraincidendo sul master percussioni, fiati e strumenti locali percorsi e da alcune importanti ospitate come quelle di Giuliano Dottori, Veronica Marchi e Pasquale Defina

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Gianluca Mancini
  • Anno: 2007
  • Durata: 44:15
  • Etichetta: La Matricula/Venus

Elenco delle tracce

01. Fiume in salita
02. Il girasole
03. Palme finte e acquari tropicali
04. Niente cambierà
05. La pelle di un pollo onesto
06. Postino
07. Cartulen de Paris
08. Il vino vien dall’uva
09. Malandrino
10. Profondo più blu
11. La valle dell’utopia

Brani migliori

  1. Postino
  2. Cartulen de Paris
  3. Il vino vien dall'uva

Musicisti

Simone Lo Porto: voce, chitarre, kazoo, armonica, cori
Mario Sansoni
: batteria
Daniele Cortese
: contrabbasso, basso elettrico, chitarra acustica
Doutor
: percussioni
Gianluca Mancini
: chitarra elettrica, cori, glockenspiegel, cori, percussioni, pianoforte, fisarmonica, programmazione Tolly G: percussioni in # 1, 2, 3, 6, 8
Ermanno Panta
: flauto traverso in # 1, marranzano in # 9, tambor falante in # 11
Andrea Franzoni
: chitarra classica in # 2
Eduardo Serra
: cuica in # 2, 3
Jacopo Bertacco
: chitarra elettrica in # 2, 10
Suso
: voce in # 2, 9
Pino Maugeri
: chitarra elettrica in # 3, 5, 9
Tay Santiago
: trombone in # 3, 6, 8, armonica in # 10
Claudio Sorge
: tromba in # 3
Rogerio Barauna
: sax in # 3
Raffaele Kholer
: tromba in # 3
Stefano Iascone
: tromba in # 3
Maria Grazia D’Alessio
: corno inglese in # 4
Jacopo Pellegrini
: percussioni in # 4, 7, 9, cori in # 9
Giuliano Dottori
: chitarre in # 4, 5, 6
Natureza De Campeche
: effetti n # 4, cori in # 9
Alessanadro Giulini
: fisarmonica in # 7
Amici di Florianopolis
: cori in # 7
Carmine Lamparelli
: armonica in # 9
Vito Camargo
: congas in # 9, percussioni in # 11
Mauro Magnani
: chitarra acustica in # 9
Daniel Tibau
: bamboo sax in # 10, 11, birimbao in # 11
Veronica Marchi
: voce in # 10
Eden Grai Artiaga
: chitarra classica, cavaquinho in # 11
Pasquale Defina
: chitarra acustica # 11
Ivona Krapikaite
: violino in # 11