ultime notizie

Venerdì 1 Marzo a Buccinasco la ...

Ce l’avevo quasi fatta, l’ultimo lavoro discografico degli Alti & Bassi (clicca qui per la recensione) esce ufficialmente nei negozi e sulle piattaforme digitali il 22 febbraio, dopo un ...

Caparezza

Le dimensioni del mio caos

La musica di Caparezza è salutare. Apre gli occhi quando sono chiusi. Stimola al pensiero quando all’osservazione non segue la critica. Impone la critica, e soprattutto l’autocritica, raccontando i fatti e soprattutto facendo annusare a larghi polmoni l’aria che tira. Non ha la verità in tasca il rapper (?) di Molfetta, ma descrive la realtà, che non è un’altra e non è bella, ma è questa, e tocca farci i conti. «Io voglio passare ad un livello successivo, / voglio dare vita a ciò che scrivo. / Sono paranoico ed ossessivo / fino all’abiura di me» canta in Abiura di me, ed è il manifesto programmatico di uno scrittore di canzoni che ha il solo imperante obiettivo di svelare il mondo che ha intorno e, come il migliore dei giullari, ribaltarlo nelle storture fino a ribaltare sé stesso. Le dimensioni del mio caos è un concept-album (o fonoromanzo, come ama definirlo il nostro) sul ’68, ma la storia, raccontata con diversi protagonisti oltre allo stesso Caparezza e alcune voci fuori campo che fanno da cerniera ai vari pezzi, è soprattutto un pretesto per dare una struttura unitaria ad una serie di fendenti contro i mala tempora moderni.

Caparezza non tralascia nulla, e la sua critica è molto più problematica e particolare di una semplice e nostalgica contrapposizione tra il ’68 e l’oggi. Se La rivoluzione del sessintutto denuncia il dominio del sesso in ogni aspetto della vita Non mettere le mani in tasca punge le alte prelature che si occupano un po’ troppo dei costumi sessuali di fedeli e infedeli; mentre Pimpami la storia attacca frontalmente il revisionismo e Vieni a ballare in Puglia mette in primo piano il problema delle morti sul lavoro rilasciando un’immagine del tacco d’Italia ben lontana dall’ultraretorico “sule, mare, ventu” – problema che viene ripreso e sviluppato nell’epica western-provinciacronica di Eroe (Luigi delle Bicocche).
Ma più di tutto è la potenza espressiva delle rime la forza di queste canzoni, grazie ad una scrittura che usa il vocabolario per intero e non rinuncia ad alcun accostamento tra alto e basso, antico e moderno, o ai più calibrati e ricercati riferimenti (dalla tv alla letteratura, dal cinema alla storia, con una particolare attenzione questa volta al mondo giovanile fatto di videogames, myspace e divi da mezza giornata e via). E così alla fine dei cinquantasette minuti de “Le dimensioni del mio caos” ci si ritrova con di fronte il re denudato, ma denudati lo siamo anche noi, un po’ vittime e un po’ complici di questo raggelante caos. Al quale solo Caparezza pare trovare le parole giuste.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Carlo U. Rossi & Caparezza
  • Anno: 2008
  • Durata: 57:55
  • Etichetta: Virgin EMI

Elenco delle tracce

01. La Rivoluzione del Sessintutto
02. Ulisse (You Listen)
03. Non Mettere le Mani in Tasca
04. Pimpami la Storia
05. Ilaria Condizionata
06. La Grande Opera
07. Vieni a Ballare in Puglia
08. Abiura di Me
09. Cacca nello Spazio
10. Il Circo delle Pantegane
11. Un Vero Uomo Dovrebbe Lavare i Piatti
12. Io Diventerò Qualcuno
13. Eroe (La Vera Storia di Luigi delle Bicocche)
14. Bonobo Power

Brani migliori

  1. Non mettere le mani in tasca
  2. Pimpami la storia
  3. Vieni a ballare in puglia

Musicisti

Caparezza: voce
Rino Corrieri
: batteria acustica
Giovanni Astorino
: basso elettrico, violoncello
Alfredo Ferrero
: chitarre, banjo
Gaetano Camporeale
: rhodes, wurlitzer, hammond, fisarmonica
Diego Perrone
: seconda voce in “Abiura di me”
Eugenio Manassero
: pianoforte in “La Grande Opera”
Saverio Squeo
: tromba in “Eroe (storia di Luigi delle Bicocche)”
Ministri
: ospiti d’onore in “Ulisse (you listen)”
I Cantori Nesi
: cori
Michele Di Lernia
: iettatore in “Un vero uomo dovrebbe lavare i piatti”
Stuzzy
: voce femminile in “La rivoluzione del sessintutto”

Voci narranti
Cinzia Fiorato
: conduttrice TG
Michele Kalamera
: narratore
Melissa Maccari
: Ilaria
Franco Zucca
: carcerato saggio
Dario Penne
: giudice
Pasquale Anselmo
: Luigi delle Bicocche
Cristhian Iansante
: amico del circo
Davide Lepore
: speaker radiofonico
Michele Salvemini
: Caparezza