ultime notizie

I Perturbazione raccontano l’uscita di ...

La data di pubblicazione dell’ottavo disco in studio dei Perturbazione, fissata in origine per il 20 marzo, a causa del Covid-19 e dei conseguenti problemi di distribuzione, è slittata di ...

Lea

Lea

Dopo ripetuti ascolti l'album, dal titolo omonimo, suona sempre più convincente sotto quasi tutti punti di vista: gli undici pezzi risultano ben strutturati a livello musicale, godendo di ottimi arrangiamenti che fanno a loro volta esaltare la voce grintosa, la melodia rock, il ritmo spesso potente, il suono della parola e gli assolo di chitarra. Ricordando, in generale, qualche logico ascendente fra il cantautorato rock (Gianna Nannini in primis), Lea risulta comunque originale nel curare anche e soprattutto gli aspetti retorici del coté letterario, scrivendo testi in funzione della musica e viceversa. E, senza sapere se siano nati prima gli uni o l'altra, funziona bene soprattutto il connubio a livello di forma-canzone, grazie alla capacità di versificare correttamente nell'intera frase musicale. Come nel 99% dei cantautori (maschi e femmine) quasi a ignorare mezzo secolo di Guccini, De André, Conte, Jannacci, De Gregori, Branduardi, Dalla, Margot, Tenco, Battiato (per citarne alcuni), quello che invece non convince in Lea sono i contenuti letterari: non va oltre il proprio ombelico, raccontando le sfighe amorose che le piovono addosso in quantità industriale, come non potrebbe accadere a nessun altra donna al mondo.

Priva della minima (auto)-ironia, sembra che sia l'unica sulla faccia della Terra a conoscere uomini (amanti, fidanzati o altro) che ostentano i peggiori difetti del genere umano: insensibili, vendicatori, arroganti, presuntuosi, machisti, al punto da ridurre la 'poveretta' (che proprio bruttona non è, stando alle foto di copertina) a un cumulo di nevrosi e depressioni. Il tutto suona purtroppo inverosimile, se vuole essere cantautrice, Lea deve insomma allargare i propri orizzonti tematici; il resto funziona (e bene).

Foto di Giuseppe Barbato

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Hammer Music
  • Anno: 2016
  • Durata: 41:17
  • Etichetta: Hammer Music

Elenco delle tracce

01. Senza estate
02. Mi rifaccio il trucco
03. Ma oggi è solo luned
04. Il momento giusto
05. Controcorente
06. Autunno
07. Non ho più regole
08. Stop
09. Uno splendido inverno
10. Dall’altra parte di noi
11. Primavera a un passo da me

Brani migliori

  1. Ma oggi è solo lunedì
  2. Il momento giusto