ultime notizie

I Perturbazione raccontano l’uscita di ...

La data di pubblicazione dell’ottavo disco in studio dei Perturbazione, fissata in origine per il 20 marzo, a causa del Covid-19 e dei conseguenti problemi di distribuzione, è slittata di ...

Marco Rovelli

LibertAria

Musicista, scrittore, insegnante, Marco Rovelli nelle caselle del classificatore ci sta davvero stretto. Narratore appassionato, con la bella possibilità trasversale che offre oggi questa definizione, può rendere con una certa efficacia l'idea che ci si può fare di lui scorrendo le sue pagine, ascoltando le sue canzoni. Il suo incedere narrativo è carico di tutte le passioni politiche e umane che lo animano e fanno di lui un potente motore critico che ha intuito che anche alle piccole cose si deve prestare grande attenzione. E quella di Marco Rovelli è spesso un’attenzione rivolta ai temi legati alla questione sociale.

Lasciata alle spalle l’esperienza con Les anarchistes, che mettevano in chiaro le cose già a partire dal nome, sceglie di farsi carico a suo nome di un progetto discografico e anche in questo caso già il titolo, LibertAria, mette le carte in tavola dal primo approccio. E possiamo dire che la sfida con la prova solista è vinta, con un disco decisamente denso di stimoli, in cui l’elemento portante è proprio la coralità. Tra gli ospiti del progetto compaiono Erri De Luca, Wu Ming 2, Francesco Forlani, Maurizio Maggiani ma anche Daniele Sepe e Yo Yo Mundi.

Marco Rovelli rivendica radici da rocker successivamente sollecitato dalla canzone popolare, e il suono di questo disco, in bilico tra atmosfere elettriche e violoncello e fisarmonica, risulta decisamente corposo, incalzando testi originali o riguadagnati alla memoria da un ottimo lavoro di recupero. Il tema centrale è il corpo e ce lo ha raccontato lo stesso Rovelli. “Il corpo è il luogo del contatto e della comunità, della singolarità e della moltitudine. Non c'è altro che corpo. Raccontare il mondo significa raccontare corpi, insomma.”

E Rovelli è in buona compagnia. Il corpo è diventato per gli storici una fonte efficacissima. Le fonti, dalla foto alla miniatura, dal fumetto, al cinema raccontano corpi. La contemporaneità si misura con il corpo, sismografo dell’esistenza. E a muovere quella lancetta ideale degli umori, delle passioni, della rabbia ci pensa anche la musica proposta da Marco Rovelli. Ascoltate e riascoltate.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Marco Rovelli
  • Anno: 2009
  • Durata: 70:00
  • Etichetta: Caravan/Columbia-Sony BMG

Elenco delle tracce

01. La comunarda

02. Gloria brucia

03. La mia parte

04. L’intimità

05. Il campo

06. Girotondo

07. Sbandati

08. Il dio dei denari

09. Il tempo che c’è

10. Al vino

11. Lamento per la morte di Pier Paolo Pasolini

12. Mea culpa

13. Indiana

14. El bosco

15. Sante Caserio

Brani migliori

  1. La comunarda
  2. Il campo
  3. Intimità

Musicisti

Marco Rovelli: voce, chitarra acustica Davide Giromini: tastiere, fisarmonica Lara Vecoli: violoncello Andrea Marcori: chitarra elettrica Nicola Bogazzi: basso Flavio Andreani: batteria