ultime notizie

Rino Zurzolo, un contrabbasso per amico

La prematura scomparsa di Rino Zurzolo è una perdita umana e artistica che lascia un segno profondo nel nostro paese. Di tutta l’esperienza del sound napoletano creato sotto l’egida ...

Bayou Moonshiners

Living live

Annus mirabilis per Stephanie Ghizzoni e Max Lazzarin in arte Bayou Moonshiners che si sono aggiudicati la 7° edizione dell’Italian Blues Challenge (2016) accedendo così alla finalissima europea dell’European Blues Challenge (2017) e classificandosi quarti. Non che l’anno prima le cose siano andate peggio per il duo:  infatti, a fine 2016 hanno lanciato sul mercato discografico quello che è il loro disco d’esordio: Living live.

Un duo i Bayou Moonshiners che ha calcato, con onore per il Blues italiano, i palchi di settore più importanti d’Italia, Svizzera, Austria e Germania e che vede Max Lazzarin alla voce (e che voce!) e piano mentre Stephanie Ghizzoni alla voce (aspra e ricca di rimandi alla tradizione nera del Delta), rullante con spazzole, washboard e kazoo. L’album, co-prodotto da Lorenz Zadro (presidente e fondatore del Blues Made in Italy), è stato registrato a Ottobre 2016 in presa diretta - come si faceva una volta - davanti a una decina di spettatori e ad un paio di microfoni panoramici (nessuna “diavoleria” da studio di registrazione ma tanta energia) al fine di ricreare la tipica atmosfera che si respirava all’interno di un chiassoso (joog) juke joint nel sud degli States.

Un viaggio questo che si articola lungo dodici brani di cui solo due (pochi ma che senza ombra di dubbio non sfigurano minimamente a confronto con i mostri sacri presenti nel cd) sono inediti: Don’t Believe Me con i suoi richiami a Dr. John e Tell Me More con un incipit di pianoforte e voce di tutto rispetto.  Dodici brani capaci di trasportarci nella magia della Nouvelle-Orléans (che ricordiamo essere il luogo ideale per fare un disco a detta del premio Nobel Bob Dylan) ove una commistione d’influenze europee e suoni africani ha creato quello che è un sound inconfondibile: il New Orleans Sound.

L’album parte alla grande con il traditional  Cabbage Head riarrangiato, per l’occasione, dal duo con piano in evidenza e duetti vocali; da qui in poi ci troviamo avvolti dalla “giusta” atmosfera.

Tra le cover troviamo, ad esempio, Big Time Woman di Jelly Roll Morton (presente e sempre interpretata da loro anche nel cd The Blues Masters: an italian tribute), I Just Can’t Get New Orleans Off My Mind di Fats Domino, Jambalaya di Hank Williams (un brano che si rifà alla tradizione della musica Cajun e che porta il nome del piatto tradizionale della Louisiana), la coinvolgente I’m Glad Salvation is Free della grande Mahalia Jackson fino ad arrivare all’intima e suggestiva Amazing Grace in cui il duo da’ veramente il massimo nell’intreccio a due voci.

Che dire in chiusura se non che ci troviamo davanti ad un ottimo esordio discografico dove il loro sound contaminato dal blues, dal ragtime, dal soul e dal gospel sa coinvolgere l’ascoltatore e al tempo stesso omaggiare a dovere il Louisiana sound.

Ora però li aspettiamo alla prossima prova con qualche inedito in più. Disco consigliato!

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Bayou Moonshiners
  • Anno: 2016
  • Durata: 48:05
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Cabbage Head
02. Big Time Woman
03. Just a Closer Walk With Thee /Didn’t He Ramble
04. I Just Can’t Get New Orleans Off My Mind
05. Me Myself and I
06. Don’t Believe Me
07. My Indian Red
08. Tell Me More
09. Jambalaya
10. I’m Glad Salvation is Free
11. Amazing Grace
12. Down By The Riverside

Brani migliori

  1. Cabbage Head
  2. Don’t Believe Me
  3. Amazing Grace

Musicisti

Stephanie Ghizzoni: voce, rullante con spazzole, washboard, kazoo - Max Lazzarin: voce, piano