ultime notizie

Arte, cultura e sport al SOCIAL ...

Inclusione e cultura insieme per combattere il disagio sociale. Dal 13 al 16 giugno prende il via la prima edizione di un Festival speciale, il Social Tour Guidonia Montecelio. Non ...

Dead cat in a bag

Lost bags

Musica per immagini, Calexico e Nick Cave a piene mani. I Dead Cat in a Bag vengono da un'esperienza di composizione di colonne sonore per spettacoli di prosa e danza: matrice e peccato originale tradotti in songwriting in questo che è il loro primo album.

Struggente, a volta graffiante, Lost bags si compone di 14 brani intimisti su trame folk-blues, echi di musica balcanica e ritmi mexican. 

Last train home, dove ci porta l'ultimo treno verso casa? La prima traccia è un breve preludio che, fuorviante, si insinua lasciandoci in bilico tra ciò che inizia e ciò che sta per finire. Quasi silente, non ci rivela né ci fa presagire cosa ci attende.

Musica per le nostre orecchie, ma anche per il personalissimo catalogo di immagini e citazioni (film, libri, poesia, immagini) che ognuno di noi ha raccolto nell' in-cosciente fluire del tempo. Strade sterrate e polverose sulle quali vecchi cani si trascinano stanchi sotto un sole cocente (Old dog).

I can't row no more ci trasporta in un film in bianco e nero di Jarmush: come Johnny Depp, inquieto Ulisse nel Nuovo Mondo, ci lasciamo trasportare sulle acque di un denso fiume.

La voce si trascina e al tempo stesso graffia  la fisarmonica di The gipsy song: Luca Swanz Andriolo ci ricorda Eugene Hutz dei Gogol Bordello ma se vi aspettate un ritmo rutilante e trascinante, siete in errore. Nulla è ciò che sembra, e non si giudica una canzone dal titolo. Mentre la terz'ultima traccia, Dawn, è un mantra che poi si scioglie in atmosfere mexican style dove chitarre, trombe e violini si congiungono in un ritmo che trascina. E ancora una volta, se vi aspettavate un quieto crepuscolo, vi siete sbagliati.

Le labbra di un amore tradito e a senso unico diventano discarica in Wasteground of your lips: struggente nell'interpretazione e nella sapiente combinazione di archi che qui si trasformano in un lamento, in un pianto soffocato.

L'ultima, estrema frontiera del Nuovo Mondo, Tijuana e la ricerca di una terra promessa: i ritmi folk messicani si congiungono con le vibrazioni della musica gitana e di quei popoli "alien" dell'est europeo, in un abbraccio ideale che annulla i confini e le frontiere. The Stow Away Song è la traccia dell'album che non può lasciare indifferenti. Ritmi "altri" da noi, mentre Zbohom, traccia dal titolo ermetico e criptico che chiude l'album, ci riporta un po' di familiare Mediterraneo.

Il suono delle migrazioni, di ciò che si mischia e si (ti) confonde: è ciò che questi 14 "bagagli smarriti" portano con sé e lasciano il segno.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Marcello Caudullo
  • Anno: 2011
  • Durata: 35:15
  • Etichetta: Viceversa records/Halidon

Elenco delle tracce

01. Last train home

02. Wasteground of your lips

03. Wither

04. A Rose & a Knife

05. The Stow-away song (a Sea Shanty)

06. The Gipsy song

07. Leapiz

08. I can't row no more

09. Lost bags

10. No lust left

11. Sleeping fields

12. Dawn

13. Old dog

14. Zbohom

Brani migliori

  1. The Stow-Away Song (a Sea Shanty)
  2. Dawn
  3. The Gipsy song

Musicisti

Luca Swanz Andriolo: voce, chitarre, dobro, banjo, mandolino, armonica, melodica, melodeon, concertina, harmonium, fisarmonica, cookie-tin banjolaika, balalaika, chumbus Roberto Abis: chitarre, lap steel, basso, tastiere, campioni Moog, trattamento del suono Luca Iorfida: piano, Fender Rhodes piano, fisarmonica, vibrafono, bouzouki, organo, contrabbasso, sintetizzatori e strumenti MIDI, voci Andrea Bertola: violino Ivan Bert: tromba e flicorno Marcello Caudullo, Liam McKahey (Cousteau), Cesare Basile, Massimo Ferrarotto (Feldmann)