ultime notizie

Giulio Casale: “Inexorable”, nuovo disco in ...

Conferenza stampa di presentazione "Inexorable", 4 dicembre, Circolo Culturale La Corte dei Miracoli – Milano. di Giuseppe Verrini Inesorabile Casale. Ancora, più forte di prima, torna la voglia di raccontare di ...

Sorella Maldestra

Maltempo

Alto voltaggio sonoro e testi al fulmicotone che si amano o si detestano: questo in sintesi Maltempo, il nuovo, più recente lavoro di Sorella Maldestra, gruppo vercellese di punk rock che torna alla ribalta dopo quasi trent’anni dal loro precedente Cadavere. Sorella Maldestra ha mantenuto la line- up delle origini fatta eccezione per il bassista Vittorio D-Storto Ranghino e per Paolo E-matico  Baltaro nella doppia veste di batterista e produttore. Quanto al nuovo album, questo ha avuto un battesimo con i controfiocchi: dal vivo, a Londra e con la benedizione di Glenn Matlock, bassista dei Sex Pistols..

Un ritorno inaspettato per un gruppo protagonista del punk rock italiano insieme a Skiantos e Gaznevada, tutti insieme ad incendiare aria ed altoparlanti fra gli anni Settanta e Ottanta.

12 brani energetici, ribelli, incazzati. Chitarre devastanti e tastiere che talvolta si lasciano andare a citazioni altisonanti con riff rutilanti alla Jon Lord nei primi due pezzi dell’album, Vacanza Totale (una sorta di auto-presentazione dopo quasi 3 decenni di silenzio dei Sorella Maldestra) e Fallo Casello (storia di un soggetto borderline tipo Patrick American Psycho Bateman). Forse esagero ma  è il melting di una base ritmica profondo porpora periodo Stormbringer in brani indubbiamente punk a caratterizzare i brani che aprono Maltempo.

Anarchia e pogo, rabbia e nichilismo: manca l’ironia amara e surreale dei colleghi bolognesi Skiantos e Gaznevada. I ragazzi sono cresciuti: Sorella Maldestra, Arresta il sistema, Telefuso -tra i pezzi migliori dell’album-, Me ne frego sono il manifesto di una band che non ha «più la cresta, sinistra né destra, ma pesta»  e  non rinuncia ad esprimere la rabbia e l’impotenza contro la tv-oppio dei popoli e una realtà fatta di «false identità» nani e ballerine («Chi intenta chi incanta ci irrita il gioco/Capiamo non poco, indifesi, incoesi, gerarchici, autarchici, anarchici») per le quali «nessuna pietà».

Nelle intenzioni del gruppo, Maltempo è un kit di sopravvivenza e pronto soccorso tascabile contro il vuoto e il nulla «ship – shop le freak c’est chic» che avanza e che ci circonda e travolge… e allora sfido chiunque a restare insensibile, immobile ed afono di fronte  ad un pezzo come Telodico, rebel song di quel Cane che, costretto a chinare la testa e stare zitto qualche traccia prima, «sempre pronto a pregare, ubbidiente a lavorare» esplode in un «Vaffanculo» liberatorio!

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Paolo Baltaro
  • Anno: 2009
  • Durata: 34:01
  • Etichetta: Banksville/KMP

Elenco delle tracce

01.  Vacanza totale

02.  Fallo Casello

03.  Cane

04.  Birmania Beermania

05.  Sorella Maldestra

06.  Telefuso

07.  Arresta il sistema

08.  Pompa funebre

09.  M’attacco

10. Telodico

11. Me ne frego

12. Tu e Io

Brani migliori

  1. Sorella Maldestra
  2. Arresta il sistema
  3. Telefuso

Musicisti

Franco Zanello P-Rude: voce Dodo Aceto Acrilico: voce Alberto Gandino  Al Bando: tastiera Furio Ciulini Suono Sporco: chitarra Paolo Baltaro E-Matico: batteria Vittorio Ranghino D-Storto: basso