ultime notizie

Insegnare ai giovani e cantare la ...

Giovedì 18 Ottobre alle 19,30, nel Food store ‘Questione di Gusto’ in Via Pusterla 45 a Brescia (tel. 030/337788) verrà presentato il nuovo disco di Roberto Guarneri, “Storie ...

Francesco Rainero

Mancino

Prima di vincere l’ultima edizione di Musicultura, prima di trionfare nella sezione “Nuove Proposte” del Premio Lunezia 2018, prima di aprire due concerti in Toscana dell’ultimo tour di Francesco De Gregori, Francesco Rainero aveva già pubblicato Mancino, la sua opera prima (autoprodotta) come cantautore. Scorrendo la tracklist delle canzoni, l’occhio si ferma subito alla traccia numero 2 dal titolo è volato via luglio con Grazia Di Michele. A questo punto la curiosità è forte, i duetti – si sa – sono una materia intrigante. Parte l’ascolto. La meraviglia è tanta. Un dialogo delicato, poetico e soprattutto moderno in quanto i duetti – anche questo si sa – tra uomo e donna tendono quasi sempre a essere un po’ “antichi” o perlomeno “stereotipati”. 

L’ascolto riparte dalla traccia numero 1, stavolta tutto d’un fiato fino alla fine. La meraviglia è ancora tanta. Non per chissà quale motivo, ma semplicemente perché Francesco Rainero, giovanissimo tra l’altro, inanella dieci belle canzoni una dietro l’altra, lasciando una sensazione mista di freschezza, intelligenza e positività. Uno che (finalmente!) canta la vita, impastata di emozioni, sentimenti, relazioni e riflessioni, in tutta la sua luce, in tutti i suoi colori, in tutti i suoi sapori, senza elucubrazioni, senza lamenti, senza rabbia. Francesco Rainero è semplice e diretto, giammai banale e prevedibile, credibile in quello che compone e canta perché fondamentalmente credibile nel suo essere.

Sarà per la sua anima da mancino “lontana dagli schemi” (Mancino), sarà per i suoi “sogni più grandi degli occhi che ha” (L’attimo), ma Rainero ha una bella marcia in più che lo porterà a essere un uomo di successo, pienamente incarnato nell’espressione più autentica della sua essenza e della sua arte.

 

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Michele Vitulli
  • Anno: 2017
  • Durata: 38:58
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Questa strada
02. è volato via luglio
03. Come un albero
04. Magari domani
05. Mancino
06. La tua anima diversa
07. I giorni miei con te
08. Canzone a domicilio
09. La nebbia e la marea
10. L’attimo

 

 

Brani migliori

  1. Questa strada
  2. È volato via luglio
  3. La tua anima diversa

Musicisti

Francesco Rainero: voce, chitarra acustica, armonica a bocca  -  Michele Vitulli: basso elettrico, piano elettrico, percussioni, hammond, chapman stick, pianoforte su Come un albero  -  Francesco “Kekkone” Cherubini: batteria  -  Tiziano Borghi: pianoforte  -  Chiara Vichi: chitarra acustica  -  Jacopo Ciani: violino elettrico 5 corde, mandolico elettrico e semiacustico  -  Claudio Giovagnoli: sax tenore, contralto e soprano  -  Luca Marianni: tromba, flicorno  -  Vieri Cardinali: piano elettrico su L’attimo  -  Grazia Di Michele: voce su è volato via luglio