ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Bungaro

MareDentroLive

Che tu stia gioendo o soffrendo, che tu sia innamorato o disinnamorato, che tu sia alla ricerca di te stesso o in stallo, ascoltando Bungaro, non potrai restarne indifferente. La sua voce e la sua anima, fatte canzoni, squarciano la quarta parete, ti abbracciano, ti avvolgono, ti coinvolgono, ti travolgono, ti penetrano dentro, lasciano un segno e tu non sei più lo stesso. Fare esperienza di questo dono è fare un viaggio interiore, immergendosi nelle pieghe più profonde delle emozioni, dei sentimenti, della vita, di quel mare che ognuno si porta dentro. Il nuovo album di Bungaro, MareDentroLive è quel tuffo di cui si ha bisogno, di cui si sente la necessità a un certo punto della propria esistenza per rendersi conto di quanto sia importante far respirare l’anima. Dopo l’apnea, si ritorna a galla, si respira a pieni polmoni, come se fosse la prima volta, come a rinascere a se stessi. Attraversare, lasciarsi attraversare dall’arte di questo autentico “cantore dell’animo umano” è avere una persona come te al fianco che ti stringe la mano, ti guarda negli occhi e ti sussurra: «…aspettare è quel segreto che vorrei insegnarti, matura il frutto e il tuo dolore non farà più male e adesso alza lo sguardo, difendi con l’amore il tuo passato ed io da qui ti sentirò vicino…».

Il disco, registrato il 5 novembre scorso all’Auditorium Parco della Musica di Roma, è un documento vivo e prezioso dell’essenza di Bungaro, una traccia sonora indelebile del suo mondo, di chi è. C’è lui interamente con la sua sensibilità, delicatezza e poesia. C’è lui pienamente con il suo talento, spessore e valore. C’è lui attraverso le sue canzoni, molte delle quali ritornate a casa dopo averle scritte per altri artisti, ad esempio Io non ho paura e Perfetti sconosciuti per Fiorella Mannoia, Il mare immenso per Giusy Ferreri, Agisce per Patrizia Laquidara, A me non devi dire mai per Chiara Civello. Il miracolo è che cantate (e riarrangiate) da Bungaro acquistano una forza emotiva incredibile, colpiscono dritto al cuore nella loro nuda e vera semplicità, come a riscoprire un tesoro sotterrato. Non mancano episodi tratti dal suo repertorio, tra cui Il deserto, Se rinasco e la fortunata Guardastelle, oltre a chicche quali Il prato (su testo di Teresa De Sio) e Apri le braccia, versione italiana di Once In A Lifetime dei Talking Heads. A suggellare questo scrigno inestimabile, ci sono tre pregevoli riletture, una sorta di volo libero nella storia della canzone italiana: il classico napoletano Passione, La donna riccia di Domenico Modugno e Lu viddicu di lu mundu, riuscitissima versione brindisina de L’ombelico de mondo di Jovanotti.

A sostenere l’artista/condottiero in questa intensa traversata c’è un gruppo di musicisti eccellenti, in piena sintonia e sinergia con il progetto: Gabriela Ungureanu al violoncello, Armand Priftuli alla viola e al violino, Antonio De Luise al contrabbasso, Marco Pacassoni al vibrafono, percussioni e batteria, Antonio Fresa al pianoforte, quest’ultimo anche autore della suggestiva intro strumentale Tra sette anni e ideatore/arrangiatore dell’intero lavoro insieme allo stesso Bungaro. Ispirazione, passione e verità fanno di MareDentroLive un piccolo capolavoro in cui ritrovare la grande bellezza dell’arte, della musica, della vita.

Foto in alto di Alessandro Laterza e foto qui sotto di Gianni Buonomo

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2017
  • Durata: 73:37
  • Etichetta: Esordisco/Audioglobe

Elenco delle tracce

01. Tra sette anni
02. Il deserto
03. Agisce
04. Apri le braccia (One In A Lifetime)
05. Il mare immenso
06. Il prato
07. Nottambula
08. Passione
09. Se rinasco (per pianoforte a sei mani)
10. Io non ho paura
11. A me non devi dire mai
12. Guardastelle
13. Lu viddicu di lu mundi (L’ombelico del mondo)
14. Perfetti sconosciuti
15. La donna riccia

Brani migliori

  1. Il deserto
  2. Il mare immenso
  3. Io non ho paura

Musicisti

Gabriela Ungureanu: violoncello  -  Armand Priftuli: viola e violino  -  Antonio De Luise: contrabbasso  -  Marco Pacassoni: vibrafono, percussioni e batteria  -  Antonio Fresa: pianoforte -  Bungaro: chitarra e voce