ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Vinicio Capossela

Marinai, profeti e balene

«È ora di cominciare a elevare lo spirito per contemplare la bellezza di cui siamo fatti». Ci sono cantautori che non puoi fare a meno di amare. Presto o tardi perderai la testa per loro. E se non è ancora accaduto è semplicemente perché si sceglie di ignorare certe figure fiere e intagliate nel legno che a volte spaventano per acume e verità. Vinicio Capossela appartiene a questa esigua categoria di eletti.

Venti gli anni di carriera e quasi altrettanti i brani che compongono l’ultimo lavoro: Marinai, profeti e balene. I dischi no, sono molti meno, quasi a lasciare più che un respiro tra l’uno e l’altro; un’inversione di rotta forse, mirata comunque a navigare acque nelle quali non fatichiamo a specchiarci. Ascolti le prime tracce e già sembra di avvertire in lontananza l’eco di Long John e dei suoi quindici uomini, per non parlare della sua bottiglia di rum travestita da birra per l’eroe del Mare Nostrum.

Da Omero a Dante, da Melville a Conrad, questo è un disco che trova ispirazione nella letteratura di tutti i tempi e in cui risuonano il mito, il fato, gli appunti di viaggio e il mare con le sue mille voci e vocine. Ci sono Le Sirene (splendida ballad caposseliana per piano solo), ci sono i tentacoli per abbracciare del Polpo d’amor (figura galeotta che già aveva contribuito a unire Vinicio ai suoi amati Calexico), c’è l’ineffabile Billy Budd travestito da bluesman, Lord Jim appena uscito dalla locanda di Jenny dei Pirati e ancora la splendida Calipso che ammaliandoci con una pachanga non ci sembra nemmeno poi così terribile.

E si potrebbe continuare in groppa a pesci palla, raccontando le storie che ci nascondono le conchiglie, giù nel fondo marino tra fantasmi e segreti che l’abisso da sempre custodisce. Perché anche in mare i mostri scelgono la sera per venire a galla e allora si indaga sempre più in profondo sul destino, si porge un palmo agli indovini e con l’altro si tiene aperto il Libro di Giobbe perché in fondo Capossela ci ricorda che è proprio la Bibbia il testo più selvaggiamente saccheggiato dal rock’n’roll.

Dal vivo Marinai, profeti e balene ripartirà in estate proprio da località marittime. Lo show sarà fortemente caratterizzato dai temi del disco e i porti si vestiranno a festa per accogliere il Sailor provvisto di timone. Dietro il capitano e una tra le ciurme più fedeli degli ultimi anni. Stive e carene non hanno mai incantato tanto.

Dedicato a Renzo Fantini, produttore e manager.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Taketo Gohara
  • Anno: 2011
  • Durata: 76:16
  • Etichetta: La Cupa/Warner

Elenco delle tracce

Disco 1 (oceanico e biblico)

01. Il grande Leviatano

02. L'oceano oilalà

03. Pryntyl

04. Polpo d'amor

05. Lord Jim

06. La bianchezza della balena

07. Billy Budd

08. I fuochi fatui

09. Job

10. La lancia del Pelide

 

Disco 2 (omerico e mediterraneo)

01. Goliath

02. Vinocolo

03. Le Pleiadi

04. Aedo

05. La Madonna delle conchiglie

06. Calipso

07. Dimmi Tiresia

08. Nostos

09. Le sirene + Ghost Track

Brani migliori

  1. Polpo d’amor
  2. Le sirene

Musicisti

MUSICISTI IN STUDIO: Vinicio Capossela: voce e piano Alessandro “Asso” Stefana: chitarre, banjo, baglama Vincenzo Vasi: theremin, campionatore, marimba, voce, glockenspiel Marc Ribot: chitarra Jimmy Villotti: chitarra Greg Cohen: contrabbasso Ares Tavolazzi: contrabbasso Enrico Gabrielli: fiati Agostino Marangolo: sax Antonis Xylouris: lira Mauro Refosco: percussioni, xilofoni, tamburi, gong Solisti della Scala: cori Coro degli Apocrifi: cori   MUSICISTI IN TOUR: Vinicio Capossela: voce e piano Mauro Ottolini: trombone, conchiglie, ottoni, flauti, kalimba, temporale Achille Succi: flauti, shakuhachi, shehnai, tin whistle Alessandro “Asso” Stefana: chitarre, banjo, baglama Glauco Zuppiroli: contrabbasso Zeno De Rossi: batteria, conga, gong delle nuvole, teste di morto Francesco Arcuri: sega musicale, balafon, campionatore, steel drum, saz, santoor Vincenzo Vasi: theremin, campionatore, marimba, voce, glockenspiel Massimiliano Cutrera, Giovanna Dallelli, Edoardo Rossi e Diletta Donati: cori