ultime notizie

Alice: il suo Viaggio in Italia ...

La cantautrice terrà a ottobre una serie di concerti in terra tedesca Alcuni viaggi non finiscono mai, restano dentro, circolano tra mente e cuore, aprono nuovi spiragli indicando percorsi interiori ...

L'Orage

Medioevo Digitale

Dopo l’uscita di Macchina del tempo (2016), i L’Orage, uno dei gruppi più interessanti e quotati dell’ultimo decennio, hanno vissuto un periodo di transizione che li ha visti ancora una volta modificare la formazione base.

A fianco degli inamovibili leader Alberto Visconti (voce e chitarre), Rémy e Vincent Boniface, fantastici polistrumentisti, figurano Luca Moccia al basso, subentrato a Mark Magliano poco dopo la registrazione di “Macchina del tempo”, ed il nuovo batterista Antonio Gigliotti. In questi tre anni di silenzio discografico i L’Orage non si sono fermati, hanno suonato molto dal vivo, non solo sotto la loro sigla madre, ma molto spesso con una delle loro formazioni collaterali (Alberto Visconti in solo, Pìtularita, Trouveur Valdotèn, Collettivo Decanter…). L’attesa per un loro nuovo progetto discografico era notevole, poiché nel corso degli anni hanno saputo raccogliere prestigiosi riconoscimenti e hanno calcato i principali palchi della nostra penisola, riuscendo a costruire uno consistente zoccolo duro di fan e una stima sincera da parte degli addetti ai lavori.

Il recentissimo Medioevo digitale, uscito il 23 aprile, colpisce nel segno fin dal primo ascolto. Gli ingredienti principali che tanto hanno forgiato il suono (ormai riconoscibilissimo) – e più in generale il progetto - del gruppo valdostano, ci sono ancora tutti. L’estrema attenzione di Alberto Visconti dedicata ai testi si amalgama alla perfezione con gli accurati arrangiamenti, arricchiti degli interventi di una miriade di strumenti, opera dello stesso Alberto ed in particolare dei fratelli Boniface. Il folk e le contaminazioni con la musica d’autore sono ancora componenti preziose, ma in molti brani il sound complessivo risulta più intenso e rabbioso rispetto alle sonorità a cui ci hanno abituati. Una svolta orientata verso il rock, confermata anche durante i live, dove Alberto ha abbandonato la chitarra classica a favore di una Fender Telecaster.

Alle registrazioni hanno collaborato alcuni ospiti di rilievo, Enrico Remmert, co-autore della traccia che da il titolo all’album, scrittore affermato e co-autore di alcuni testi dei Subsonica, Roberto Bovolenta, Francesco Giusta, Nicolò Bottasso e Dj Grissino. In Terra desolata, sono invece presenti i “vecchi” L’Orage Memo Crestani alla chitarra elettrica, Florian Bua alla batteria e Marc Magliano al basso.

Medioevo Digitale, è un album valido sotto tutti i punti di vista, valorizzato da testi che meritano di essere ascoltati con attenzione e che affrontano tematiche legate all’attualità (migranti, cambiamento climatico) e, da qui il titolo, l’involuzione culturale e sociale dell’ultimo ventennio. Il nostro augurio è che questo album che possa rappresentare il punto di svolta per la carriera di un gruppo che meriterebbe ancor più notorietà e sia al contempo di buon auspicio per la neonata Ph.D., etichetta guidata dall’appassionata e competente Tiziana Sconocchia Balestri e con la distribuzione affidata a Discoteca Laziale.

La strada lo sappiamo tutti non è facile. Ma quando i sentieri sono duri la gente di montagna è più attrezzata per affrontarli. Ben tornati L’Orage.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: L'Orage
  • Anno: 2019
  • Durata: 52:01
  • Etichetta: Ph.D. / Discoteca Laziale

Elenco delle tracce

01. Medioevo digitale
02. Il mare in mezzo
03. Sette lune
04. Batteria al lidio pt.1
05. Occhi miei
06. A cell sereno
07. Sylvie
08. Canto d’addio
09. Batteria al lidio pt.2
10. Mia libertà
11. Terra desolata
12. Dedans un jardin

Brani migliori

  1. Medioevo digitale
  2. Canto d’addio
  3. Terra desolata

Musicisti

Alberto Visconti: voce, chitarre elettriche e acustiche  -  Rémy Boniface: ghironda, organetto, violino, cori  -  Vincent Boniface: organetto diatonico, sassofoni, tastiere, cornamuse, clarinetto, flauti, bombarda, percussioni, cori  -  Luca Moccia: basso, contrabbasso, voce  -  Antonio Gigliotti: batteria
Ospiti:
Roberto Bovolenta: chitarre elettriche e acustiche, mandolino, steel guitar  -  Francesco Giusta: ghironda  -  Nicolò Bottasso: tromba e flicorno  -  Dj Grissino: elettronica  -  Federica Formica: voce  -  Memo Crestani: chitarra elettrica  -  Florian Bua: batteria  -  Marc Magliano: basso