ultime notizie

Venerdì 1 Marzo a Buccinasco la ...

Ce l’avevo quasi fatta, l’ultimo lavoro discografico degli Alti & Bassi (clicca qui per la recensione) esce ufficialmente nei negozi e sulle piattaforme digitali il 22 febbraio, dopo un ...

Carmine Torchia

Mi pagano per guardare il cielo

Opera prima del calabrese Carmine Torchia, trentadue anni e una laurea in architettura in bacheca, Mi pagano per guardare il cielo, sul mercato già da alcuni mesi, evidenzia una proposta a suo modo insolita: una vocalità esile, neanche troppo da cantante, abbinata a una scrittura (musica e testi, questi ultimi, in particolare, non privi di una loro arguzia) piuttosto eccentrica, perennemente in bilico, anche all’interno del singolo brano, fra una leggerezza a volte un po’ troppo marcata e tracce “altre” capaci di gettare un curioso ponte fra certo Battiato (quello meno concettuale e sospeso) e personaggi meno celebrati, su tutti, si direbbe, Stefano Rosso (per esempio nella Controfigura, fra le vette del cd). La strumentazione privilegia gli strumenti a corda, in primis chitarre acustiche e mandolino, qua e là annaffiati da generosi inserti d’archi. Quello che rimane, a fine ascolto, è l’immagine di un album che magari non lascia tutta questa traccia di sé, ma che grazie alla patina di singolarità evidenziata potrebbe anche preludere a futuri e più corposi sviluppi. Staremo a vedere.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Carmine Torchia & Francesco Valente
  • Anno: 2008
  • Durata: 38:14
  • Etichetta: Castorone

Elenco delle tracce

01. Eccoti

02. Ritratto di un omino niente male

03. L'astronomo

04. Nessun dio...

05. A mezzanotte sui portoni

06. Le tele

07. Lui vuole fare il rumorista

08. Trema la foglia. E tu?

09. L'esercito dei derelitti

10. La controfigura

11. L'odore dei mandarini

Brani migliori

  1. Nessun dio…
  2. L’esercito dei derelitti
  3. La controfigura

Musicisti

Carmine Torchia: voce, chitarre, basso elettrico, mandolino, programmazione delle tastiereFrancesco Valente: chitarre, slide guitar, banjo, mandolino, drum programming Aidan Zammit: pianoforte, tastiere, hulusiVeronica Lock: pianoforteMeme: sintetizzatori, programmazione delle tastiereFrancesco Scarpino, Michele Chirichiello: chitarreEmilio Di Stasio: chitarra acustica, mandolinoLorenzo Feliciati: basso elettrico, contrabbassoAntonio Granese: basso elettricoMaurizio Masi: batteria, percussioniAlessandro Canini: batteriaRiccardo Schmitt: batteria, nacchereRenato Ciunfrini: clarinetto bassoSusanna Pisana, Fania Lauro: violino
Aldo Granese: fisarmonica