ultime notizie

Un’altra Italia, nuovo singolo di ...

L’artista è colui che riesce a esprimere attraverso la sua opera pensieri, emozioni, sentimenti che appartengono a tutti e in cui ognuno può riconoscersi. Una volta c’erano gli intellettuali ...

Bankrobber

Missing

Soffia una piacevole brezza British in Missing, secondo album dei Bankrobber, stavolta inciso in inglese, dopo l'italico Gazza ladra di quattro anni fa.  Di Scomparso c'è pochissimo: il talento che si intravedeva già dall'opera prima non sembra disperso; più(t)tosto, si è intensificato con l'esperienza macinata on the road, fino a culminare con l'apporto dato ad Enrico Ruggeri nel suo Le canzoni ai testimoni. Ma montarsi la testa non rientra nell'ideologia del quartetto di Riva del Garda e Missing è la prova concreta come si possa attuare un progetto che scruta la terra d'Albione, con dedicata umiltà e centrata reverenza ma senza timori di ripercorrere sentieri già battuti. 

La personalità dei Bankrobber  è tanto evidente e lapalissiana in episodi come A good guy with the gun e Afraid, nei quali, con il tipico incedere "equino" degli Arctic Monkeys di Do I wanna now si addentrano nella loro costellazione ma arricchendola con interventi calibrati di elettronica e voce filtrata. Però, il combo di Alex Turner, non è l'unica fonte ispirativa: Summer of  love ha l'occhio rivolto ai  refrain molleggiati ed accattivanti dei Stereophonics ma con chitarre più acide del solito. Oppure , The womanizer è un pop stiloso, eseguito con la leggerezza straordinaria che fu dei Prefab Sprout, ricreata qui dal felice connubio vocale uomo/donna dei fratelli  Giacomo e Maddalena Oberti. E non sfigurano neanche nella conclusiva Greetings from my place, in cui il fitto raggio intimistico è illuminato da contesti sognanti e bruschi risvegli di marchio Coldplay.

Omaggiare i Big non significa pedissequa imitazione ma, semmai, rispettosa ispirazione verso quei maestri che han fatto scattare la miccia passionale del creare musica: che male c'è se, con tutto ciò, offrono  il miglior approccio all'album con Gold,  tra pacatezza di classe e fragori a piccole dosi o se la chitarra acustica di Just have a dream traccia il tema base con frizzante vivacità o, a maggior ragione, se If you were here è ridotta ai minimi termini, con la sola acustica ad elargire un finissimo ascolto? Proprio nulla di male, anzi! Ne uscissero di album come Missing: sicuro propedeutico per tornare a produrre musica di qualità e viatico-base per cominciare a spiccare il volo.

Foto di Daniele Magoni

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Massimiliano Lambertini e Michele Guberti
  • Anno: 2018
  • Durata: 36:35
  • Etichetta: Vrec

Elenco delle tracce

01. Gold
02. Closer
03. A good guy with a gun
04. Summer of love
05. The Womanizer
06. Just have a dream
07. Afraid
08. Skies of thorns
09. If you were here
10. Greetings from my place

Brani migliori

  1. Afraid
  2. The Womanizer
  3. Just have a dream

Musicisti

Giacomo Oberti: voce, chitarra  -  Maddalena Oberti: voce, tastiere  -  Stefano Beretta: batteria, cori  -  Andrea Villani: basso, cori