ultime notizie

Undicesima edizione del Premio Valentina Giovagnini

Pozzo della Chiana, Arezzo 14-15 Settembre 2019 Premio Valentina Giovagnini 2019  Per quanto ci si impegni a scrivere qualcosa a proposito del Premio Valentina Giovagnini, va subito detto che è un ...

Chiara Jerì

Mobile identità

“Morire è anche niente da dire…”. Potrebbe essere questo verso una possibile chiave interpretativa del disco d’esordio di Chiara Jerì. Un disperato bisogno di contatto, di dialogo… di canto. Un disco introspettivo, da ascoltare al buio, oppure in macchina durante un viaggio notturno. Se fosse un film sarebbe girato quasi tutto in interni; in stanze ora adorne ora vuote, ora in penombra ora assolate. Anche i pochi spazi in esterno, in definitiva, sono poi luoghi mentali della memoria, del ricordo delle proprie terre d’origine o d’adozione: il sud – Jerì è calabrese – di Amara terra mia di Domenico Modugno (con la partecipazione dei Tamales De Chiplin); la Toscana della tradizionale, seppur qui riarrangiata in chiave mediterranea, Maremma amara (con titolo che è quasi un chiasmo della precedente) e di A Livorno; la Genova della deandreiana (nelle atmosfere e nelle tematiche) Malincuore. Tutti brani che più che aprirsi ad un esterno rimandano ad un’interiorità della persona che vive, subisce ed ama quei posti.

Come dicevo, quindi, un disco dell’anima; di un’anima sensibile che cerca disperatamente una difesa all’irrompere del vuoto e del silenzio (Parlami), ma anche dallo scatenamento dei sensi (“Vorrei bruciare il corpo ed esaltare l’anima/ confonderla con quella mia”). Se la perdita della persona amata e di un possibile contatto divengono motivi d’angoscia, l’unico rimedio appare allora proprio la canzone, anche come una sorta di rimedio omeopatico (“Canzoni d’amore distruggono corazze/ che persone fragili usano per difendersi dal mondo”). Ed è proprio la voce di Jerì che si erge a difesa di tormenti esistenziali. Sì, perché se esistono voci perfette, impostate, capaci di scalare tutte le note del pentagramma, esistono anche voci calde, “irregolari” – se mi si passa il termine – che scendono, che penetrano in profondità, che si insinuano dentro chi le ascolta. Jerì appartiene a questa seconda schiera, quella a cui appartiene Fiorella Mannoia o Ornella Vanoni, tanto per intenderci.

Un disco d’esordio, insomma, interessante questo Mobile identità, che risente di diverse influenze (echi di Battiato in Contrasto scritta da Ivan Segreto, di De André in Malincuore; mentre Sovente piacerebbe per certe sonorità e per le rime desinenziali a Pacifico) e che pure presenta alcune piccole ingenuità tipiche dell’esordio (per esempio, una track list forse un po’ troppo corposa, anche a causa delle numerose cover).

Da segnalare, infine, l’assenza di un vero e proprio gioiello: il Notturno della parole scomposte – musica del bravissimo Maurizio di Tollo, autore di quasi tutti i pezzi e produttore del disco, e testo della stessa Chiara – vincitore del concorso “Un notturno per Faber” patrocinato dalla Fondazione De André (la giuria era presieduta da Mario Luzzatto Fegiz), durante la mostra genovese dedicata al cantautore. Il brano, infatti, è stato composto mentre l’album era già in stampa.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Maurizio Di Tollo
  • Anno: 2009
  • Durata: 64:05
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Maremma amara

02. Contrasto

03. Parlami

04. Sovente

05. A Livorno

06. Dimmi dove sei

07. Ed io tra di voi

08. Amara terra mia

09. L' ultima volta che ho visto i tuoi occhiali

10. Un sogno che se n'è andato

11. Malincuore

12. Moon river

13. Tutte le stelle della sera

14. A l'otro lado del rio

Brani migliori

  1. Contrasto
  2. Malincuore

Musicisti

Chiara Jerì: voce Adriano Arena: chitarra acustica e classica Alessandro Corvaglia: pianoforte, tastiere e voce Maurizio Di Tollo: batteria, pianoforte, chitarre e voce Tiziano Cannas Aghedu: tromba Matteo Nahum: chitarre Cristiano Roversi: pianoforte, tastiere e stick bass Boris Valle: pianoforte Robbo Vigo: pianoforte e synth bass Luca Volontè: sassofoni
Tamales De Chipil: in 08