ultime notizie

10-11-12 settembre: Musica da Bere 2020

  L’undicesimo appuntamento con “Musica da Bere” - che anch’essa ha dovuto fare i conti con il Covid19 - sarà una tre giorni, con un’anteprima e due serate finali con ...

Fratelli Calafuria

Musica Rovinata

Mai il prefisso post- fu più appropriato. In un'epoca in cui a tutti i gruppi piace definire la propria musica come post-punk, post-rock e affini, ecco finalmente una band a cui quest'etichetta calza a pennello. La musica dei Fratelli Calafuria, al loro secondo disco, può davvero essere vista come un pastone caotico di suggestioni anni Ottanta e Novanta, che si possono riassumere nell'immagine di quel disco che salta, protagonista di Ilfattodeicdincantati. Una rivisitazione post-rock, dunque, che però, come tutti i lavori ben riusciti, riesce anche a dire qualcosa di nuovo, fondendo insieme molti elementi che si sommano in un disco grintoso e senza punti morti.

Brandelli di garage rock, punk, persino noise, si intrecciano senza malizia con sonorità pop, in un mélange tutto originale. È un approccio in un certo senso minimale quello preferito dal trio milanese: con i soli chitarra, basso e batteria, affiancati da una consistente presenza dell'elettronica, i Calafuria riescono a ottenere una varietà di ritmi, suoni e melodie davvero sorprendente, così come ci si sorprende al primo ascolto quando si uniscono nello stesso brano riff duri, distorti, strofe spigolose quasi urlate, inframezzate da ritornelli melodici e cantabili alla Subsonica.

Non è cosa da poco fondere insieme due anime così diverse. I dieci brani sono scarni, graffianti e aggressivi, popolati di dissonanze, filtri voce, veri e propri inserti noise che si inseriscono, ossessivi e martellanti, a dialogare con la voce. Un ottimo esempio è proprio la title-track, carica di suoni fino a scoppiare, con una tastiera che picchia sulle orecchie e un buon arrangiamento che riesce a gestire anche un insieme così complesso di suoni. Una parola meritano anche i testi, critici e arrabbiati, in buona parte, contro una realtà in cui la musica - con vera e sincera consapevolezza postmoderna - è forse davvero una Musica Rovinata.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2011
  • Durata: 35:30
  • Etichetta: Massive Arts

Elenco delle tracce

01. Pezzo giallo

02. Fare casino

03. Musica rovinata

04. Disco Tropical

05. Di testa

06. Bello

07. Pulsantoni

08. Torno su

09. Loretta

10. Ilfattodeicdincantati

 

Brani migliori

  1. Di testa
  2. Disco Tropical