ultime notizie

Note d’Autore: l’omaggio a ...

di Andrea Direnzo Tanti suoi brani sono hit planetarie, molti altri fanno parte della memoria collettiva musicale del nostro Paese. L’elenco sarebbe davvero lungo e finirebbe per togliere spazio ...

Enrico Rava

New York Days

Un’atmosfera morbida e sinuosa, fortemente evocativa, un tono chiaroscurale, un dipanarsi pacato ma non per questo rettilineo, anzi sempre sul filo dell’invenzione all’impronta, avvolgono questo nuovo, attesissimo lavoro di Enrico Rava (settant’anni il prossimo 20 agosto: auguri fin d’ora), frutto di una seduta d’incisione agli Avatar Studios di New York nel febbraio 2008. Si parte con Lulù, brano terso e meditabondo, di grosso appeal. Un carattere analogo segna anche la prima delle due Improvisations, entrambe a firma collettiva (tutto il resto si deve invece alla sola penna del trombettista), venendosi già a delineare come elemento distintivo del lavoro, anche a contatto col successivo Outsider, più vivace e nervoso, ma sempre dall’alto di un nitido aplomb di fondo. Ben noto (e più volte inciso) è poi Certi angoli segreti, fra i temi più felici di Rava, col suo ampio respiro melodico, virato verso il tango. Mark Turner, sax tenore dal timbro scuro e vagamente impastato, si conferma il contraltare ideale all’allusiva, ora sorniona, ora decisamente più affermativa, tromba del leader. Sempre discreto, misurato Bollani, solido Grenadier, inventivo e obliquo, mai ovvio, il “senatore” Paul Motian (di cui non pare neanche il caso di ricordare gli illustri sodalizi con Bill Evans e Jarrett, fra i tanti). A loro in primis si devono la libertà e l’apertura ritmica (che è anche molto coloristica) del disco, fra i principali ingredienti della sua riuscita.
Segue il pacato, aereo Interiors (altra vetta del cd), attraversato da un lirismo molto à la Rava: dolente, profondo, pastoso, elegante quanto coinvolgente. Lieve, quasi uno scherzo, è poi Thank You, Come Again, mentre nuovamente impalpabile e sospeso, senza un beat regolare né spazi predefiniti (e come tale oltremodo affascinante), è Count Dracula, laddove Luna urbana è invece un tango esplicito, come Rava ce ne ha regalati diversi. Di nuovo condotta in assoluta souplesse, navigando mirabilmente a vista, la seconda Improvisation senza rete. Clima analogo, ma un minimo in più di movimento, in Lady Orlando, nonché nel conclusivo Blancasnow. Un disco, tirando le somme, che magari qualcuno potrà trovare fin troppo unidirezionale, mentre proprio questo rigore, quest’estrema coerenza atmosferica (che non vuol dire ripetitività), ne costituiscono il principale motivo di fascino e riuscita. E, in qualche modo, di unicità.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Manfred Eicher
  • Anno: 2009
  • Durata: 77:48
  • Etichetta: ECM/Ducale

Elenco delle tracce

01. Lulù
02. Improvisation I
03. Outsider  
04. Certi angoli segreti
05. Interiors
06. Thank You, Come Again
07. Count Dracula
08. Luna urbana
09. Improvisation II
10. Lady Orlando
11. Blancasnow

Brani migliori

  1. Certi angoli segreti
  2. Interiors
  3. Improvisation II

Musicisti

Enrico Rava: tromba
Mark Turner
: sax tenore
Stefano Bollani
: pianoforte
Larry Grenadier
: contrabbasso
Paul Motian
: batteria