ultime notizie

Alice: il suo Viaggio in Italia ...

La cantautrice terrà a ottobre una serie di concerti in terra tedesca Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size ...

Massimo Lajolo & Onde Medie

Nirvana Market

Il torinese Massimo Lajolo con questo nuovo disco fa il punto sulla sua lunga esperienza musicale. Autore, cantante polistrumentista capace, ma anche musicologo e appassionato recuperatore di tracce sonore con la proposta di spettacoli che si muovono sul filo sottile della memoria musicale condivisa, tra canzoni e storie. Artefice a partire dal 2004 del progetto Onde Medie, condiviso con Gianni Marotta alle percussioni, Umberto Cariota al basso e Elisa Bertero alla seconda chitarra, Lajolo propone il suo recente Nirvana Market a quasi cinque anni da Distanze, prova d’esordio di questo gruppo.

«L’idea era quella di scrivere qualcosa che riflettesse la realtà contemporanea o, meglio ancora, alcune realtà contemporanee, private e pubbliche, che spesso s’incrociano e si condizionano più di quanto siamo portati a pensare. Alcuni pezzi in particolare sono nati proprio perché avvertivo l’urgenza di scriverli in questo preciso momento». Sono questi i presupposti che reggono il lavoro concentrato in Nirvana Market e l’abbiamo ascoltato ancora una volta sollecitati dall’urgenza dell’espressione, uno dei motori propulsori di molti lavori recenti che ci è capitato di frequentare. Urgenza sottolineata sempre dall’impossibilità di realizzare prodotti musicali in assenza di una rete efficace di gestione di concerti e della promozione, in assenza di mercato e in latitanza di passioni.

E devo confessare che quest’urgenza disperata, se da un lato segna drammaticamente il mondo della canzone e della musica, è anche uno stimolo formidabile che ci sta regalando chicche di espressione irrinunciabile. L'album, giocato spesso su atmosfere dalla struttura sintetica, necessaria come l’urgenza impone, ne è uno degli esempi efficaci. Ancora alle parole di Massimo Lajolo la possibilità di sintetizzare i temi narrativi del disco: «Queste dieci canzoni parlano di TV e bugie, di bellezza e di inganno, di solitudine e di dipendenza dalle passioni, di spiagge e autostrade, di anima e mercato.»

Buona urgenza a tutti.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2010
  • Durata: 42:45
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Non posso crederti

02. Spiagge libere

03. Non so resistere

04. Io e la mia scimmia

05. Il sole a gennaio

06. Vita liquida

07. Ipersong

08. Sto giù

09. Single

10. Tempo e carezze

Brani migliori

  1. Non posso crederti

Musicisti

Massimo Lajolo: voce, chitarra acustica, classica ed elettrica, piano, tastiere, armonica Giovanni "Don Pablo" Marotta : percussioni acustiche ed elettroniche Umberto Cariota : basso, voce Elisa "Chiodino" Bertero : chitarra, voce Donata Guerci : voce Cesare Petrelli : batteria Massimo Lisa : basso Marco Amistadi : oboe