ultime notizie

10-11-12 settembre: Musica da Bere 2020

  L’undicesimo appuntamento con “Musica da Bere” - che anch’essa ha dovuto fare i conti con il Covid19 - sarà una tre giorni, con un’anteprima e due serate finali con ...

Giorgio Li Calzi

Organum

Organum è l'ottavo progetto discografico di Giorgio Li Calzi, trombettista e compositore torinese. Una nuova avventura dopo un percorso costellato di incontri importanti e di impegni sul fronte del teatro, che non poco hanno inciso nella realizzazione di Organum: una fusion d’avanguardia, sempre in bilico tra jazz, elettronica, industrial, con atmosfere post rock.

«L’Organum o diafonia è una forma musicale medievale, uno dei primi tentativi di organizzare, con la scrittura, due voci», come afferma lo stesso Li Calzi, infatti il progetto è duale, con il suo gruppo oppure in solitaria con ospiti e sorprese. Uno scambio di manipolazioni sonore per giungere ad una sintesi tanto ammaliante quanto perturbante.

Il disco si apre con la voce di Anita Li Calzi - 3 years old - un conto alla rovescia inquietante che dà il via all'ipnotico viaggio Orinonauta. Più melodico Eyes Wide Open, interpretata dalla voce di Hayley Alker - conosciuta in rete - è davvero una grande sorpresa. Più liquido il brano Poesia in forma di prosa, un emozionante post rock con la chitarra di Matteo Salvadori in primo piano. Oscura e magnetica The Truth of a Chinese Whisper, con la voce enigmatica di Thomas Leer che prepara l'ascolto alla pulsante Madonna delle lamierecostruita con i campani Retina.it.

Come Orinonauta la visionaria Das Unheimliche possiede i samples di Scott Gibbons, il brano è tratto da Tragedia Endogonidia, della Societas Raffaello Sanzio.

Distesa e addolcita 24 psychosis, mentre tra l'erotico e il candido si svolge il duetto voce e tromba in Exist con la Alker. Dedicata all'irriverente regista Lars Von Trier è l'altrettanto imprevedibile e sperimentale Homo Zentropicus - Zentropaè la casa di produzione del regista del movimento di Dogma 95 - dove il nostro è in duocon il trattamento di Douglas Benford. A chiudere la morbida e fresca Zapaterista.

Il progetto scorre fluido tra scomposizioni, dissolvenze e distorsioni. Organum non è un disco 'facile', vuole essere ascoltato fin dentro i silenzi e il primo impatto può risultare freddo e troppo celebrale, ma possiede un sound personale con momenti colti, ironici e caldi.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2011
  • Durata: 60:00
  • Etichetta: Fotosintesi

Elenco delle tracce

01. Orinonauta

02. Eyes Wide Open

03. Blue Lights

04. Poesia in forma di prosa

05. The Truth of a Chinese Whisper

06. Madonna delle lamiere

07. Das Unheimliche

08. 24h Psychosis

09. Exist

10. Homo Zentropicus

11. Zapaterista

Brani migliori

  1. Eyes wide open
  2. Poesia in forma di prosa
  3. Das Unheimliche

Musicisti

Giorgio Li Calzi: tromba, elettronica, vocoder, organo, pianoforte Roberto Cecchetto: chitarra Matteo Salvatori: chitarra Alessandro Maiorino: contrabbasso Enzo Birilli: batteria Anita Li Calzi: voce in 01 Scott Gibbons: (estratti da Tragedia Endogonidia) in 01 e 07 Hayley Alker: voce in 02 e 09 Marconi Union: pianoforte, elettronica in 03 Thomas Leer: voce in 05 Retina.it: elettronica, lamiera in 06 Douglas Benford: elettronica, processore in 10