ultime notizie

Note d’Autore: l’omaggio a ...

di Andrea Direnzo Tanti suoi brani sono hit planetarie, molti altri fanno parte della memoria collettiva musicale del nostro Paese. L’elenco sarebbe davvero lungo e finirebbe per togliere spazio ...

Pane

Orsa Maggiore

«Io credo che con qualche esempio più chiaramente spiegherò il mio concetto», afferma Galileo Galilei che insieme a Vladimir Majakovskij, Gesualdo Bufalino e Victor Cavallo sono solo alcune delle suggestioni che i Pane ci offrono con Orsa Maggiore. Il terzo disco della band capitolina riconferma la qualità della proposta e rilancia un progetto di grande impatto per il suo essere delicato e materico, maschile e stellare.

Orsa Maggiore penetra l'ascoltatore nel fondo, senza fronzoli e senza manierismi, efficace nel suo essere sfrondato e variegato, minimalista, acustico, con piglio folk rock, attitudine prog ed elettricamente jazz, se proprio si vuol ragionare con le etichette. Il quintetto con chitarra, batteria, flauto e pianoforte tesse una trama sonora/emotiva che gioca su estasi e tremori, sorrisi e tormenti, oppure, per usare le parole del brano pianoforte e voce Fiore di pesco,un«lampo freddo che illumina a giorno».

Nove brani potenti e ben strutturati, è difficile non rimanere colpiti sin dai primi minuti dalla maturità artistica dei Pane, dalla bellezza dell'impetuosa L'Umore e godere della percussiva e quasi-tarantella di Orsa Maggiore (riadattamento de La Nostra Marcia di Vladimir Majakovskij) come è arduo non essere conquistati da Samaria (la rilettura del Lamento Del Viaggiatore di Gesualdo Bufalino) dove si incede «per questa strada che non conosco/ per questo tempo che non è il mio». Parole e musica, teatro e canzone, narrazione e immaginazione sono le chiavi di lettura di La Pazzia che prelude all'ardita Cavallo (testo di Item tratto da Ecchime,opera di Victor Cavallo), dove l'interpretazione e la grana della voce di Claudio Orlandi sono incisive. Un respiro pieno apre Tutto l'amore del mondo, quasi a voler ribadire che anche se tutto è costruito, nulla è artificioso a partire anche dal libretto: da scoprire il Trittico dell'epifania di Madrid di Bosch all'interno. Costellazioni sonore ed emotive per un gruppo prezioso, che nel prossimo futuro potrebbe stupire ancora di più.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Pane-Studio Controfase
  • Anno: 2011
  • Durata: 51:00
  • Etichetta: Dischi dell'Orsa

Elenco delle tracce

01. L'Umore

02. Gocce

03. Orsa Maggiore

04. La Pazzia

05. Samaria

06. Tutto l'amore del mondo

07. Fiore di pesco

08. Cavallo

09. Alla luna

Brani migliori

  1. L'umore
  2. Samaria
  3. Fiore di pesco

Musicisti

Claudio Orlandi: voce Maurizio Polsinelli: pianoforte Vito Andrea Arcomano: chitarra acustica Claudio Madaudo: flauto traverso Ivan Macera: batteria