ultime notizie

Patrizia Cirulli interpreta Achille Lauro

Patrizia Cirulli, cantautrice milanese, rilegge e reinterpreta C'est la vie di Achille Lauro.   di Paola Piacitelli                                                               VEDI IL VIDEO Il singolo, accompagnato dal videoclip ufficiale, è distribuito dall’etichetta La ...

Zagreb

Palude

Dopo un migliaio di giorni tornano in pista i veneti Zagreb , dando sèguito ai lusinghieri consensi riscossi col debutto Fantasmi ubriachi datato 2015. Confermarsi non era semplice ma loro centrano l'obiettivo  con Palude, opera rock eterea e di spessore, al confine dell'onirico ma con tanto di sound avvolgente e sognante. E' una rentree con i fiocchi, in quanto i 10 pezzi dell'album sanno esprimere la grande concettualità dell'intorpidimento che alligna nell'anima delle persone con un sound che riesce a destare ampie riflessioni, grazie anche alle liriche dure ma salvifiche, sempre che si abbia voglia di catturarne il senso per uscire dalla "palude" contemplativa che fa  solo comodo alle strategie di  Potere.

E' il singolo Nel buio che dà la sveglia con belle stesure di chitarre lineari e convincenti, mentre Vero amore vive di fasi vincenti tra strappi distorti e risolutivi con giuste varianti orecchiabili. E' palese che in questa vita ci sia un'evidente Problema sociale ed allora è giusto che il combo picchi con energia e delizia in àmbiti rock e la sua valenza è quella di apportare quello stacco ossessivo che fa riflettere non poco. La rabbia corre a Berlin", frutto di un'evidente delusione in un via-vai di chitarre che stridono l'anima e Acme è una splendida ballad con dettagli grintosi e colmi di pathos. 
Nel percorso si odono echi di trillati fascinosi con il basso che spesso cattura in un trasporto senza respiro oppure si incappa in tunnel senza uscita, dispersi tra voci lontane ed ipnotiche. Anche il mood che alligna in Vile è sospensivo e spaziale, col pregio di estasiare senza mezze misure: senz'altro l'episodio più particolare dell'album. Mentre Presidente non brilla di variabili e sfila alquanto anonima, Anestesia è il perfetto sigillo in chiave dream-pop che trasuda d'elettronica ma che dona quella suggestione incorporea che ammalia con indubbio carisma.  

Palude
è una prova coriacea, che informa con un combo in forma e, in forma indie-grunge-rock ci consegnano un chiaro monito(r) sulla prevaricazione e l'angheria che caratterizza l'ambizione umana, affossando quel potenziale parco d'idee che pullula di emozioni innovative ma che (tristemente)  marciscono in rassegnazioni acquitrinose.


 

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Federico Viola e Michele Guberti
  • Anno: 2018
  • Durata: 34:47
  • Etichetta: Alka Record Label

Elenco delle tracce

01. Nel buio
02. Vero Amore
03. Problema sociale
04. Berlino
05. I tuoi denti
06. Acme
07. Cerebrale
08. Vile
09. Presidente
10. Anestesia

Brani migliori

  1. Acme
  2. Problema sociale
  3. Nel buio

Musicisti

Alessandro Novello: voce  -  Alessandro Meneghello: chitarra, synth  -  Ermanno de Luchi: basso  -  Stefano Bonaldo: batteria