ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Iacopo Ligorio & Le Canzoni Giuste

Per l'amor del cielo

Iacopo Ligorio, cantautore pugliese, dopo qualche anno di gavetta nel (bosco e) sottobosco della musica indipendente esce con un nuovo disco, aggiungendo al suo nome anche ‘& Le Canzoni Giuste’, simpatica estensione perfettamente in linea con il personaggio.
Mentre suonava per i locali della penisola, Iacopo ha pensato bene di studiare musica, diplomandosi al CET di Mogol, per esempio, o frequentando il conservatorio Nino Rota di Monopoli, la sua città, ma anche quello di Pescara. E proprio la città abruzzese è ormai da molto tempo il fulcro della sua attività, la sua e quella dei musicisti che da qualche anno sono al suo fianco, un quintetto/sestetto (a volte anche di più se la situazione lo consente) talmente affiatato che andrebbero ormai considerati un gruppo vero e proprio.

Per l'amor del cielo è il titolo dell’album uscito poco prima dell’estate, un lavoro che potremmo considerare una sorta di concept diviso in cinque capitoli. Molto originale la ‘sceneggiatura’ pensata da Iacopo per la stesura dei testi, dove si racconta la storia di un uomo a cui Dio dà il compito di giudicare lo stato della civiltà, perso tra l’individualismo e i social, tra la propria pigrizia e l’egoismo, che dedica i propri sforzi all’apparenza ignorando totalmente la sostanza.
Le canzoni procedono spedite tra incontri con il Creatore ed episodi ironici e grotteschi (già i titoli sono tutto un programma…), dove un sapiente calembour di parole viaggiano su di un tessuto musicale ben costruito e in questo caso il merito maggiore va a Bruno Contin, che oltre ad occuparsi delle musiche, suona piano e synth.

Difficile identificare una matrice unica per quel che riguarda gli arrangiamenti, non solo perché sono firmati da Iacopo e da Bruno insieme, così come il lavoro dietro le programmazioni,  ma anche perché per confezionare le “canzoni giuste” i nostri non utilizzano un’unica soluzione, preferiscono cercare ispirazione da vari mondi sonori, anche se c’è una forte vicinanza (sono parole loro) al groove di Caparezza ma anche di Elio e Le Storie Tese, così come una matrice reggae compare qua e là, mentre in alcuni episodi Iacopo ricalca il modo di cantare di Cristicchi, seppur in maniera nettamente meno incisiva. Compito comunque inutile quello cercare un brano di punta rispetto ad un altro, anche perché la varietà di stili che si dipana traccia dopo traccia soddisfa più gusti, quindi vale la pena segnalare l’intero lavoro nel suo complesso. Una segnalazione sola ce la concediamo e la riserviamo a Mi pizzica, musicalmente tra le più riuscite, un brano tra disillusione e sincerità che racconta della disperata ricerca di una collocazione nella civiltà ostaggio del nulla. La title track chiude questa prima avventura di Iacopo Ligorio & le Canzoni Giuste in uno stile che richiama quello del conterraneo Caparezza in una giusta chiave incisiva, movimentata e che, non a caso, fa concludere al protagonista di questo concept che c’è ancora speranza per l’umanità.

Tutto sommato una prova che, tra alti e bassi, mostra le potenzialità di un artista che dal palco riesce a catturare l’attenzione degli spettatori e che solo a tratti è riuscito a rappresentarla anche su disco. A tal proposito giusto ricordare i riconoscimenti ottenuti in solo due o tre anni in festival e concorsi nazionali, dove la performance live riesce a dare una visione più ampia  e articolata dei musicisti e del suono complessivo che Iacopo, buon performer, ha raccolto attorno a sé. Molte anche le collaborazioni che sono nate nel girovagare per la penisola e tra le più significative citiamo quella con Alberto Bertoli, figlio dell’indimenticato cantautore emiliano, nata durante le fasi finali del Premio Bertoli.

Un album che comunque “balla” tra leggerezza e musica impegnata e che racconta, addentrandosi e mettendo il dito nella piaga, di una superficialità diffusa che regna nel ventunesimo secolo. Ma forse la chiusa più indovinata per raccontare la musica di Iacopo Ligorio & Le Canzoni Giuste ce la fornisce il gruppo stesso non appena si entra nel loro sito: “Canzoni demenziali per persone Intelligenti, canzoni intelligenti per persone demenziali”.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Iacopo Ligorio e Bruno Contin
  • Anno: 2019
  • Durata: 33:00
  • Etichetta: World fonogram records

Elenco delle tracce

01. Rigenesi
02. L'undicesima di campionato
03. Salame
04. Ti direi di si, ma ho scongelato il pollo
05. Ma perché mi insulti su Facebook? Comprati una macchina
06. Cindy
07. Tre no no no
08. Mi pizzica
09. Lucrezia
10. Per l'amor del cielo

Brani migliori

  1. Rigenesi
  2. L’undicesima di campionato
  3. Per l’amor del cielo

Musicisti

Iacopo Ligorio: Voce, testi, musiche, arrangiamenti, chitarra, basso - Bruno Contin : Musiche, arrangiamenti, pianoforte, synth, cori - Flavio Piermatteo: Sax, cori - Daniele Mammarella:  Chitarre, cori - Umberto Matera:  Batteria, percussioni, octapad - Andrea De Felicibus: Basso