ultime notizie

Patrizia Cirulli interpreta Achille Lauro

Patrizia Cirulli, cantautrice milanese, rilegge e reinterpreta C'est la vie di Achille Lauro.   di Paola Piacitelli                                                               VEDI IL VIDEO Il singolo, accompagnato dal videoclip ufficiale, è distribuito dall’etichetta La ...

Andrea Labanca

Per Non Tornare

Ci sono tanti mondi nelle canzoni di Andrea Labanca, un po’ come in testa a chi, seduto in un bar, si ferma a pensare distrattamente, senza uno scopo preciso. Proprio in quel momento si incrocia la realtà che passa davanti agli occhi, con i valori che ci portiamo dentro messi a dura prova costantemente, così come l’effimero di un pensiero che diventa meta da perseguire nel cuore della notte, o la noia che cerca conforto nell’amore, ricordando vagamente l’approccio caro a Luigi Tencomi sono innamorato di te, perché non avevo niente da fare”. Però in questo zapping della mente resta sullo sfondo come costante lo sguardo distaccato e intelligente della personalità scaltra che negli anni si forma, capace di attingere, tra il sacro e il profano, tra l’”alto” e il “basso”, tra il sogno e la realtà, tra la custodia dei saperi e il trash. Tutto ciò  il cantautore milanese lo racconta mirabilmente in molte frasi messe lì, una tra tutte, “Siamo macchie di colore dentro ai fast food, figli illegittimi di Bretton Woods”, una sintesi perfetta della condizione umana che si illude di avere ancora la facoltà di scelta di tutto. Proprio Bretton Woods che apre il disco con quel cantato un po’ alla Vasco Brondi conferisce quel senso di spietata messa a nudo della realtà e magari fa pensare a una poetica orientata verso un tema iper relista; invece, col procedere delle tracce, anche grazie all’azzeccatissima produzione artistica di Gianluca De Rubertis, il lavoro si indirizza musicalmente verso un tono dai tratti retrò che consolida l’appartenenza a un quadro cantautorale italiano generale con sfaccettature che spaziano nei vari decenni.

Queste scelte, unitamente al cantato, riecheggiano rispettosamente pilastri della canzone d’autore e del teatro canzone da Edoardo Bennato (Dance Dance Dance e Facciamo L’amore) a Enzo Jannacci, fino a Paolo Rossi, e Cochi & Renato che spiegano bene anche la versatilità di Andrea Labanca che nel suo curriculum vanta fruttuosi incontri con la letteratura e il teatro che hanno nel tempo rafforzato e maturato la sua formazione. Il titolo scelto per il disco, Per non tornare, sembra pertanto così solenne e definitivo da rappresentare allo stesso tempo l’ironia che lo pervade e mentre saremo già in attesa delle nuove canzoni del bravo cantautore che invece tornerà spesso, disco dopo disco a raccontarci stralci di mondi che sfilano via.

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Gianluca De Rubertis
  • Anno: 2018
  • Durata: 32:15
  • Etichetta: Goodfellas

Elenco delle tracce

01. Bretton Woods

02. Ardo

03. Per non tornare

04. Dance Dance Dance

05. Lago di Costanza

06. Alba

07. Buio

08. Guerra

09. Facciamo l’amore

 

Brani migliori

  1. Bretton Woods
  2. Facciamo l’amore
  3. Per non tornare

Musicisti

Andrea Labanca: Voce e chitarra   -  Gianluca De Rubertis: Chitarra, piano elettrico, sinth, basso, drum machine  -  Pierpaolo Ranieri: Basso elettrico e acustico  -  Lino Gitto: Batteria  -  Martina Ladduca: Voce, cori  - Giovanni Calella: Chitarre, percussioni, sinth e sounds  -  Tiziano Cannas: Sax