ultime notizie

Giulio Casale: “Inexorable”, nuovo disco in ...

Conferenza stampa di presentazione "Inexorable", 4 dicembre, Circolo Culturale La Corte dei Miracoli – Milano. di Giuseppe Verrini Inesorabile Casale. Ancora, più forte di prima, torna la voglia di raccontare di ...

Matthew Lee

PianoMan

«Terrific!» viene da dire ascoltando PianoMan, nuovo disco di Matthew Lee, formidabile – è questo il significato dell’esclamazione di apertura – artista cento per cento italiano che all’anagrafe di Pesaro è Matteo Orizi, votato a una carriera indubbiamente internazionale. Per lui si potrebbe sprecare a ragion veduta un bel po’ di terminologia anglosassone, che in questo caso davvero non ci sta male: vocalist, performer, entertainer. Il ragazzo è in uno stato di grazia, al clou della sue energie, accolto da una major label, sostenuto da una produzione importante, dunque pronto per il grande lancio. Non ci troviamo davanti a un bluff, Matthew è uno che sa il fatto suo, è un musicista fuoriclasse con oltre mille concerti in giro per il mondo, ha una vagonata di talento, suona il piano e canta in modo grandioso, in più possiede un carisma scenico che fa la sua parte. Uno così, ciuffo impomatato e vintage look, che sembra saltato fuori da un playbill anni Cinquanta di Broadway, non poteva certo star seduto compostamente suonando con mani, braccia, gambe, schiena impostate all’uso classico.

Ascoltando l’album è chiaro che la formazione del nostro viaggia oltreoceano arrivando alle radici del Rock ‘n’ Roll statunitense,  in particolare quello di Little RichardChuck BerryJerry Lee Lewis e del mitico Elvis Presley, senza scimmiottare nessuno o essere il clone di alcuno. Di sostanza ce n’è, ben diciassette brani tra strumentali (da ascoltare l’iniziale fantasia Rock On Classic e la finale Rossini’s Tarantella) e cantati, di cui cinque noti editi e sette inediti.

Riguardo ai primi, Matthew passa con estrema disinvoltura da Splish Splash di Bobby Darin a Just The Way You Are di Bruno Mars, ancora da Give Me Love di George Harrison a These Boots Are Made For Walkin’ di Nancy Sinatra, fino ad arrivare alla bella e riuscita rilettura rockabilly del classico Mack The Knife da L’opera da tre soldi di Bertold Brecht e Kurt Weill. Di buona fattura, azzeccatissime come un abito su misura, le canzoni inedite in inglese, quasi a scambiarle per cover, tra cui Eight Years And Counting, Steal A Kiss e Living A Miracle, firmate dallo stesso Matthew. In linea con il personaggio anche le due in italiano, La più bella canzone d’amore e La mia Sopia Loren, che vede tra gli autori il bravo e valente Andrea Bonomo. Le carte in regola per il botto in patria ci sono tutte e anche qualcuna in più, considerando che un artista così eclettico e vitale – dalla stampa inglese (arrivano sempre prima altrove, sic!) definito «the Genius of Rock ‘n’ Roll» – manca nel lagnoso e omologato panorama musicale pop italiano.

 

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Nicolò Fragile
  • Anno: 2018
  • Durata: 51:25
  • Etichetta: Decca

Elenco delle tracce

01. Rock On Classic
02. Splish Splash
03. Just The Way You Are
04. Hey Ho
05. Piano Wizard #1
06. La più bella canzone d’amore
07. Mack The Knife
08. Eight Years And Counting
09. Give Me Love
10. Piano Wizard #2
11. She
12. La mia Sofia Loren
13. These Boots Are Made For Walkin’
14. Piano Wizard #3
15. Steal A Kiss
16. Living A Miracle
17. Rossini’s Tarantella

Brani migliori

  1. Mack The Knife
  2. La più bella canzone d’amore
  3. Living A Miracle

Musicisti

Piano e voce: Matthew Lee  -  Hammond, Tastiere, Wurlytzer, Computer, Synth Programming: Nicolò Fragile  -  Chitarre: Frank Carrera  -  Basso: Alessandro Infusini  -  Batteria: Matteo Pierpaoli  -  Sax: Marco Scipione  -  Tromba: Daniele Moretto  -  Trombone: Andrea Andreoli  -  Cori: Tim Norford, Danny Summerfield, Mark Griffiths, David Jerome, Marco Evans, Ally Martin, Andrea Bonomo, Sofia Fragile