ultime notizie

“Whisky Facile”: il disco di Carotone ...

Il 23 novembre ricorrevano i 100 anni dalla nascita di Ferdinando ‘Fred’ Buscaglione, un grande della storia della canzone d’autore italiana, uno tra i primi a schernire e giocare ...

Giuseppe Calini

Polvere, strada e rock’n’roll

Oggi non scriveremo di un esordiente, bensì di un roccioso artista come Giuseppe Calini che giunge al 18° (!) album in carriera e lo fa con l’entusiasmo di un vispo fanciullo, come se il tempo non lo scalfisse minimamente, poiché tra gli spartiti scorre sangue genuino con globuli leali e massicci che lo preservano dall’invecchiamento.

Il vigore propositivo è già in bella mostra nell’introduttiva Old style rock’n’roll, mentre con Take me home, casa mia impasta rock e country con sottile eleganza immaginifica. In più non disdegna un Ritorno in Alabama, facendo parlare chitarre urticanti col vento in poppa e da esperto capitano qual è, delinea la giusta rotta per tenere vivo il sogno a stelle e strisce con l’eclatante Good bye Route 66, con riffs elastici e danzanti. In Guardo, sorrido e dico “io non ho” se ne frega di tutta la modernità tecnologica che affossa i rapporti sociali, denunciandola senza peli sulla lingua. Il suo tour non si limita all’American Dream, bensì è un Viaggio nel mondo  a pieni giri, nel quale batte anche un cuore ballad con orlature comunque grintose e gagliarde.

Per Giuseppe è stra-importante Quello che ci metti dentro in questa autostrada della vita che percorriamo col biglietto (ahimè!) di sola andata. Forse (e speriamo…) che non sia cosi ed allora finchè c’è un battito il nostro lo colma di energia cristallina. Arrendersi è verbo cancellato dal suo vocabolario ed appena può Spara, spara ancora: una final-song che sferza identità simil-Blasco nazionale. Polvere, strada e rock’n’roll sono tre simboli dogmatici di un genere che Calini, ormai, sa maneggiare con incallita maestria senza impantanarsi nel patetico, poiché un granitico story-teller sa dov’è il confine tra il pacchiano e la credi(a)bilità e lo scavalca col fiuto di un esperto rocker senza trucchi e senza inganni. It’s only rock’n’roll? Si, ma di quello schietto, “invecchiato” bene in partiture di rovere. Mescete ed ascoltate. Alla salute!

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2021
  • Durata: 34:35
  • Etichetta: Music Force

Elenco delle tracce

01. Old style rock’n’roll
02. Take me home, casa mia
03. Biglietto per la vita
04. Ritorno in Alabama
05. Good bye Route 66
06. Guardo, sorrido e dico “io non ho”
07. Viaggio nel mondo
08. Un blues che non ascolterai mai
09. Quello che ci metti dentro
10. Spara, spara ancora

Brani migliori

  1. Good bye Route 66
  2. Take me home, casa mia

Musicisti

Giuseppe Calini - Simone Sello - Mark Marshall - Marco Calini - Johnny Tad