ultime notizie

Christmas Favorites: il Natale visto da ...

Marco Giubileo ci ha preso gusto. Dopo The BASSoundtrack Book, EP uscito meno di un anno fa e dedicato a celebri colonne sonore riarrangiate con il basso solista (disco che ...

Geoffrey De Vai

Respira il mio respiro

A 44 anni non so quanti artisti delle sette note possono vantare un ingente vissuto come l’italo-francese  Geoffrey  De Vai, uno capace di calamitare attenzione ad ogni nuova mossa intrapresa. A cominciare dal 1997 con la glam-band Starry Eyes e vari transiti con Bluecaos, Lucida, Rossomargot e Raging times. Diverso è il discorso solista, cui è approdato15 anni fa con Delicante (Percorsi intimi) ed oggi ripreso col secondo atto Respira il mio respiro, sotto l’egida della label Vrec, la produzione affidata a Paolo Agosta, e l’onorevole presenza del chitarrista Massimo Luca (Battisti, de Andrè), Roberto Dellera (Afterhours) ed Esa El Presidente.

All’entrata c’è la titletrack, nella quale si ode una corsa ansimante che arriva da lontano come preludio ad uno sviluppo vibratile e dinamico, insaporito da una tromba discreta e grinta a volontà., mentre Lacrime & sudore sfoggia un’aurea intensa ed autoritaria, nella quale domina, centralmente, un doppio lavorio chitarristico, prima ammiccando agli U2 e, in coda,  alla maestosità corale dei Coldplay. Si parla inoltre di amori smarriti nel singolo Nascondimi, con l’anima ballad che rifuge dal ricalcare inflazionati cliché argomentativi. Gli altri due singoli Vuoti amari e D.S.E. (Disturbati Stati Emotivi) incorporano nel primo caso convinzioni di vita e dei propri obiettivi da raggiungere ad ogni costo, mentre il secondo è impreziosito dal Feat. di Esa (El Presidente), in modo da farlo risultare un pezzo verace ed accorato filo-martellante, tra funk-rock e rap. Geoffrey sa andare Oltre ogni previsione stilistica: qui concentra un mood  ponderativo, con quel graffiato pop che farebbe tanto gola a Fabrizio Moro, similarmente alla closing-track Ho un regalo per te (…Olivia), calata con ricercato romanticismo.

In sostanza, muovendosi tra le coordinate di Jeff Buckley e Damien Rice, De Vai ridà voce alla sua parabola solista, forgiando un’opera concreta e ben miniata nelle soluzioni che contano, col fervido auspicio di non attendere altri tre lustri per ascoltare nuovi brani. Accorciare i tempi sarebbe gustoso per noi e, sicuramente, ancor più stimolante per il suo ampio cosmo ispirativo, pronto ad emozionarci nuovamente.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2021
  • Durata: 34:31
  • Etichetta: Vrec Label

Elenco delle tracce

01. Respira il mio respiro

02. Uccidimi

03. Lacrime & sudore

04. Nasconderai

05. Nine teen (interlude)

06. D.S.E.-Disturbi stati Emotivi

07. Lo stato delle cose

08. Vuoti amari

09. Oltre

10. Ho un regalo per te (…Olivia)

 

Brani migliori

  1. Vuoti amari
  2. Lacrime & sudore
  3. Nasconderai

Musicisti

Geoffrey De Vai: voce - Massimo Luca: chitarre - Roberto Dellera: basso