ultime notizie

Tyrant Live@"La Beata Quartina Dell ...

Tornano finalmente "on stage" i milanesi Tyrant, qualche tempo dopo la pubblicazione del loro album "Blues, Booze And Nothing to Loose" che ha infine coronato la loro pluridecennale attività musicale ...

Aquarama

Riva

È arrivata l’estate e porta con sè una grande quantità di musica pensata e realizzata per questa stagione che invaderà l’etere e si riverserà, volenti o nolenti, nelle nostre orecchie. Il più delle volte si tratta di musica non impegnativa, di facile ascolto, pensata per diventare tormentoni estivi. Ma alcune volte la bella stagione porta con sè anche musica di qualità, ed è il caso di Riva, il disco di esordio degli Aquarama.

Questo disco, infatti, pur avendo caratteristiche di godibilità e freschezza tipiche di certa musica pop, non rientra nella categoria “mordi e fuggi” o se preferite “ascolta e dimentica”. Nel 2015, in un piccolo studio di un sottoscala fiorentino, due giovani musicisti, il polistrumentista Dario Bracaloni e il batterista e visul-art Guglielmo Torelli, mettono sù il gruppo degli Aquarama e iniziano a dare vita ad una serie di brani che si caratterizzano con un suono molto pulito, basato prevalentemente sull’utilizzo di chitarre con riff gradevoli e orecchiabili, da un bel canto e da un groove moderno ed essenziale che si intreccia a ritmi downtempo, derivati un po’ dalla musica black e un po’, ma in una forma più latente, da quella sudamericana. L'insieme diventa il tessuto strutturale su cui si sviluppano melodie e arrangiamenti dal sapore vintage e internazionale.

Già dal primo ascolto, il suono degli Aquarama riporta alla mente i migliori XTC con accenni, neanche tanto velati, di Style Council. Attenzione però, questi richiami non sono un limite, ma citazioni ben realizzate e perfettamente innestate dentro soluzioni sonore del tutto originali. Del resto non potrebbe essere diversamente dal momento che gli Aquarama, per loro stessa ammissione, sono cresciuti ascoltando proprio questi importanti gruppi degli anni '80 che in quel periodo hanno dato il meglio di sè.

Riva contiene nove tracce ed è tutto cantato in inglese dalla voce di Dario Bracaloni. I testi raccontano di separazioni, isolamenti e incomunicabilità, tutti temi piuttosto impegnativi, che Dario però riesce ad interpretare con la giusta leggerezza, alternando atmosfere moderne e sonorità retrò. Tutto il disco scorre facilmente e quando anche l’ultima nota dell’ultimo brano smette di riecheggiare il primo pensiero è “ops è finito” e per sentirsi completamente appagati, d’istinto, si ricomincia a riascoltarlo.

Ma non è solo la qualità artistica a posizionare questo esordio sotto un cono di luce speciale. Sono da apprezzare la produzione curata da Marco Olivi (già al lavoro, tra gli altri, con Ghemon, Ex Otago, Selton), che ne ha curato anche la registrazione e il mixaggio presso i Blue Spirit Studios di Milano. Il trattamento del master, avvenuto per mano di Giovanni Versari tecnico del suono vincitore di un Grammy per l'album "Drones" dei Muse, e infine la grafica, opera dell'illustratrice francese Clèmence Chatel, che conferisce alla copertina del disco, in versione CD ma soprattutto in versione vinile, una riconoscibilità che a molti manca. Con la stessa grafica è stato realizzato anche il video del primo singolo dell'album, Coral.

Il tour estivo degli Aquarama, toccherà diversi club e festival italiani con un nuovo show arricchito da visual inediti e una formazione composta da cinque elementi, per riprodurre integralmente tutto il loro universo sonoro anche dal vivo. Si uniranno dunque a Dario Bracaloni e Guglielmo Torelli, anche Giacomo Mottola (chitarra), Theo Taddei de Le Furie (percussioni) e Alessandro Pezzano (basso).

Insomma gli Aquarama sono riusciti a produrre un bel lavoro d'esordio, che mette in evidenza le qualità artistiche di questi ragazzi e suggerisce che la loro vena creativa darà ancora frutti gustosi nel prossimo disco. Da tenere d'occhio.

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Marco Oliv  - Self/Soundav
  • Anno: 2017
  • Etichetta: Irma Records

Elenco delle tracce

01. Hit The Wave
02. Seaplanes
03. Africa
04. On A Beach
05. Holy Day
06. Aquarama
07. Coral
08. Mary
09. Seventeen

Brani migliori

  1. Coral
  2. Hit The Wave
  3. Holy Day