ultime notizie

Venerdì 1 Marzo a Buccinasco la ...

Ce l’avevo quasi fatta, l’ultimo lavoro discografico degli Alti & Bassi (clicca qui per la recensione) esce ufficialmente nei negozi e sulle piattaforme digitali il 22 febbraio, dopo un ...

Fabrizio Zanotti

Sarò libero!

Di Fabrizio Zanotti, quarantatreenne cantautore di Ivrea, questo è il terzo album (il primo dal vivo, peraltro in mezzo a svariate altre produzioni che l’hanno visto coinvolto fin dagli anni Novanta), dopo “Il ragno nella stanza” e “Pensieri corti”, editi entrambi – rispettivamente nel 2007 e nel 2010 – da Storie di Note. Il cd costituisce un unicum, raccogliendo i riflessi del concerto tenuto al Teatro Giacosa (di Ivrea) il 24 aprile 2012, con un taglio rievocativo-civile (se non schiettamente politico), foraggiato da canzoni prevalentemente di lotta e di memoria.

Vi trovano posto registrazioni d’epoca, da icone come Fischia il vento e O bella ciao, emblematicamente poste in apertura e chiusura di scaletta, a stralci del discorso (in particolare le tracce 7 e 14) che Piero Calamandrei pronunciò nel 1954 a dieci anni da una storica impresa del locale raggruppamento partigiano, rievocata anche da uno dei pezzi forti del disco, quel Poco di buono che nel 2006 già Claudio Lolli inserì nella “Scoperta dell’America” (e nel 2011 i Gang nella “Rossa primavera”) e che qui, con un’interpretazione (ma non solo: anche con un taglio compositivo, si direbbe) che a Lolli guarda eloquentemente, riletta con l’ausilio del Coro Bajolese.

Altri vertici di un album che va comunque valutato nel suo complesso, come una sorta di vera e propria opera in canzone (magari anche con qualche momento un po’ più debole, esile, specie proprio in rapporto al contesto), sono La mia divisa, in cui inizia a chiarirsi il ruolo giocato dal quartetto d’archi Lorenzo Perosi arrangiato da Matteo Nahum (prezioso anche alla chitarra), e poi Bandiera, Sarò libero, Matrioska, Se non ora quando? (la prima e l’ultima della quaterna inedite, così come Il mare se bagna Milano). Un disco da ascoltare, se possibile, d’un fiato.

 

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Fabrizio Zanotti & Valentina La Barbera
  • Anno: 2012
  • Durata: 77:48
  • Etichetta: Fabrika Musika

Elenco delle tracce

01.   Fischia il vento

02.   E c'è una storia che ci piace ascoltare

03.   La mia divisa

04.   Olive da friggere forte

05.   Inclinato ad oriente

06.   Facce di fango

07.   Il ponte

08.   Poco di buono

09.   Bandiera

10.   L’universo che ora dorme

11.   Sarò libero

12.   Matrioska

13.   Il mare se bagna Milano

14.   I giovani

15.   Chini Marco

16.   Se non ora quando?

17.   Musicalenta

18.   O bella ciao

Brani migliori

  1. La mia divisa
  2. Poco di buono
  3. Matrioska

Musicisti

Fabrizio Zanotti: voce, chitarra acustica, armonica  -   Matteo Nahum: chitarre, arrangiamento archi  - 
Enrico Perelli: pianoforte, fisarmonica  - 
Silvano Ganio Mego: basso elettrico  - 
Daniele Pavignano: batteria, percussioni  - 
Marcello Bianchi, Massimo Coco: violino  - 
Krystyna Porebska: viola  - 
Gianni Boeretto: violoncello  -  Riccardo Gifuni, Federica Albertella: cori   - 
Coro Bajolese diretto da Amerigo Vigliermo  -  Piero Calamandrei: voce su nastro d’epoca