ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Daniele Silvestri

S.C.O.T.C.H.

Daniele Silvestri è tornato e porta con sé il nuovo album S.C.O.T.C.H., uscito su etichetta Sony Music. Sì, ce n’è voluto di tempo: l’ultimo album di inediti risale infatti a Il latitante del 2007, ma un motivo di base esiste.

I motivi sono ben quindici, quindici brani che non lasciano nulla al caso, piccoli estratti di quotidianità che portano alla riflessione, quella seria, non scontata e soprattutto mai goliardica. Un album pensato, ponderato, di vita vissuta e di vite non vissute - o meglio, di quella vita che la modernità, con le sue logiche sterili e con quei valori di furbizia, arroganza e tracotanza non ci permette di vivere. Lo stesso cantautore romano, che sarà presente quest’anno sul palco del Primo Maggio a Roma, parla di un racconto cinematografico fatto di eventi sonori, di brani da ascoltare con il gusto, la pazienza e il tempo di poterlo fare, così da cogliere ogni piccola sfumatura.

Frammenti estemporanei che portano molto più in là di quanto una canzone possa fare, come in Lo Scotch, che descrive un trasloco mentale più che fisico, al quale presta le braccia la voce sul treno di Andrea Camilleri, collaborazione che lo stesso Silvestri definisce surreale, inaspettata. Inatteso ma inseguito da tempo invece il dialogo cantato con Niccolò Fabi, amico di sempre, con il quale il cantautore di Monetine parla, si apre, si interroga e cerca risposte: Sornione, questo il titolo della canzone, commuove e invita a non domandare, a ribellarsi, a maledirsi e rincontrarsi per sorridere, appunto, sornione.

La purezza del disco si maschera dietro l’importanza dell’ironia, spesso al centro delle sue composizioni: un’arma per poter andare avanti senza essere travolti dall’amarezza, un passepartout per un’esistenza da vivere indagando sul valore degli opposti, proprio perché il senso di ogni cosa spesso risiede nel suo contrario.

In questa direzione si muove La chatta, un esercizio continuo di assonanze e giochi di parole che risponde alla mamma di questo brano, la cinquantenne La gatta di Gino Paoli, il quale partecipa divertito dopo aver attaccato il telefono in faccia al timido Silvestri.

Un lavoro da esplorare ascolto dopo ascolto, ricco di collaborazioni illustri come quella di Stefano Bollani, che compare con il suo pianoforte in Questo paese, educata invettiva rivolta al nostro paese, o forse a coloro che lo portano avanti.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Daniele Silvestri
  • Anno: 2011
  • Durata: 54:26
  • Etichetta: Sony Music

Elenco delle tracce

01. Le navi

02. Sornione

03. Cos’è sta storia qua

04. Fifty-fifty

05. Acqua stagnante

06. Precario è il mondo

07. La chatta

08. Io non mi sento italiano

09. Monito®

10. Ma che discorsi

11. Acqua che scorre

12. Lo scotch

13. L’appello

14. In un’ora soltanto

15. Questo paese

Brani migliori

  1. Sornione
  2. Lo scotch
  3. Questo paese

Musicisti

Daniele Silvestri: voce, chitarra e pianoforte Piero Monterisi: batteria Maurizio Filardo: chitarre Gianluca Misiti: tastiere Gabriele Lazzarotti: basso Ramon Josè Caraballo: tromba e percussioni Niccolò Fabi: voce Pierpaolo Bisogno: vibrafono Pino e Diego Marino: voce e cori Torquato Sdrucia: sax baritono Solis String Quartet: archi Andrea di Cesare: violino Raiz: voce Daisy Togni: flauto Andrea Moscianese: chitarra elettrica Vincenzo Parente: corno Massimo Dedo: trombone Andrea Camilleri: voce Stefano Bollani: pianoforte Allievi della scuola Studio Uno diretti da Matteo d’Incà