ultime notizie

Franco Battiato, l’uomo che ci ...

  È stata una splendida e sobria serata quella che ieri sera, al teatro della Triennale, ha ricordato il “cittadino milanese” Franco Battiato, il musicista giunto dalla sua solare Sicilia per conquistare ...

Jumping the Shark

Sogni pesaresi

Potrebbe essere lo spot per qualche agenzia di promozione turistica: siete giovani sotto i vent’anni? Vi manca l’ispirazione musicale dopo aver trascorso la giornata a studiare per l’esame di maturità?  Dovete smaltire lo stress da terza prova e non sapete dove sbattere la testa? Fate come i Jumping The Shark: venite al mare a Pesaro e gustatevi un bel gelato sulla spiaggia; il risultato potrebbe essere Sogni pesaresi.
Sei brani difficilmente riconducibili ad un singolo genere perché, anche se sicuramente la storia alle loro spalle è rock (che sia punk, stoner, hard o acid blues), il prodotto complessivo non manca assolutamente di originalità e di coraggio. Originali perché riempire il campo sonoro con solo chitarra e batteria significa suonare tanto e con estrema proprietà dello strumento; le linee melodiche non sono per niente banali e i testi, velatamente criptici, ti portano a spasso senza spaventarti verso un uso della lingua italiana che tanti faticano a gestire sulla scena rock. Coraggiosi perché non scendono a compromessi: spaccano senza freni quando è il momento, rilanciano con momenti delicati senza remore di apparire mielosi e azzardano farsetti vocali di tutto rispetto senza temere alcun capitombolo. Si autoproducono, offrono i propri brani in download gratuito e lanciano il singolo di apertura con un video il cui protagonista è un alieno che si nasconde tra le sterpaglie, inseguito dalla luce di una torcia (video a questo link https://www.youtube.com/watch?v=ssPUMoCmTcM)

Questo Ep del duo pesarese, 38 anni in due, è veramente un gioiellino nella sua semplicità – mai banale – e nella spregiudicatezza – mai ostentata.  Un ipotetico professore della commissione d’esame promuoverebbe a pieni voti…potrebbe arrivare anche la lode su un prossimo lavoro di lungo respiro.  

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Autoprodotto
  • Anno: 2015
  • Etichetta: Autoprodotto

Elenco delle tracce

01. Inutile prima di te                        
02. Leonardo nel bidone                   
03. Stress                                            
04. Cartika – tu me fais tu bien         
05. Buonanotte
06. Le lacrime del coccodrillo          

Brani migliori

  1. Inutile prima di me
  2. Buonanotte

Musicisti

 Leonardo Antinori: voce e batteria   -  Tommaso Tarsi: chitarra e voce