ultime notizie

Daniele Gozzetti: il blues ha un ...

                  Nuovo progetto per Daniele Gozzetti, cantautore bresciano dall’anima rock ‘n’ roll. Si tratta di un video nel quale Gozzetti reinterpreta Blues run the game, un classico dell’americano Jackson ...

Dik Dik

Sold Out Concerto Live

Rivivono i favolosi sessanta in questo doppio album dei Dik Dik, uno tra i gruppi più importanti e significativi del periodo d’oro della musica pop italiana. Un ritorno importante con un disco live, a suggellare i quarant’anni di attività e, soprattutto, l’enorme successo che li accompagna nei concerti in giro per tutta Italia e non solo. Ascoltando uno dietro l’altro i brani, è come andare indietro nel tempo, quando regnavano i juke-box, quando i dischi (in vinile) si vendevano a milioni, quando l’Italia era in pieno boom socio-economico. Il tempo non ha scalfito minimamente quei motivi che ancora oggi fanno sognare con sana nostalgia, cantare con leggerezza e con spensieratezza, giammai con banalità o insensatezza. “C’era una volta un gruppo di ragazzi, un’intera generazione, tra cui c’eravamo anche noi, che con la musica cercava e desiderava cambiare il mondo” – dice all’inizio la calda voce di Lallo che introduce Uno in più, canzone firmata da Mogol e Lucio Battisti. Della storica coppia, di cui i Dik Dik furono stretti collaboratori per un periodo, propongono Dolce di giorno, la censurata Guardo te e vedo mio figlio, Il vento e Vendo casa, oltre un medley comprendente Mi ritorni in mente e 7 e 40. Il sogno americano rivive attraverso Sognando la California e L’isola di Whight, due cover che trascinarono il gruppo nelle posizioni alte della storica “Hit Parade”, e ancor di più con la riproposta di Blowin’ In The Wind di Bob Dylan. La cavalcata sull’onda dei ricordi continua con Il primo giorno di primavera, Io mi fermo qui (Sanremo ’70) e Senza luce, successo dei Procol Harum tradotto da noi da Mogol. Da segnalare per fan e collezionisti la presenza di tre inediti, Quanto amore c’è, Anna non lo sa e Un giorno d’amore (cover di I Want To Know What Love Is dei Foreigner), che testimoniano la voglia di essere in continua evoluzione e non solo fermi al glorioso passato. Ottimo ritorno per i Dik Dik (Lallo, Pepe e Pietruccio) che si confermano un gruppo sincero, onesto, dotato di una dignità e di una coerenza artistica che li ha portati al di sopra delle mode e dei tempi.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Romolo Ferri
  • Anno: 2008
  • Durata: 95:07
  • Etichetta: Crisler

Elenco delle tracce

Cd 1
01. Uno in più
02. Black Night
03. Dolce di giorno
04. Big Blues
05. Sognando la California
06. Help Me
07. Guardo te e vedo mio figlio
08. Volando
09. L’isola di Wight
10. Medley: Hey Jude/C’era un ragazzo che come me…

Cd 2
01. Il primo giorno di primavera
02. Medley: Mi ritorni in mente/7 e 40
03. Il vento
04. Vendo casa
05. Io mi fermo qui
06. Viaggio di un poeta
07. Medley: Blowin’ In The Wind/Imagine/Io vorrei non vorrei ma se vuoi
08. Senza luce
09. Quanto amore c’è
10. Anna non lo sa
11. Un giorno d’amore

Brani migliori

  1. Uno in più
  2. Vendo casa
  3. Viaggio di un poeta

Musicisti

Lallo Sbriziolo: voce e chitarra basso
Pepe Salvaderi
: chitarra ritmica, tastiere, voce
Pietro Montalbetti
: chitarra, cori
Alessandro Usai
: chitarra elettrica
Mauro Gazzola
: tastiere
Alberto Viganò
: basso
Gaetano Rubino
: batteria e percussioni
Joe Vescovi
: organo Hammond e piano acustico
Alberto Vegezzi
: basso