ultime notizie

Giulio Casale: “Inexorable”, nuovo disco in ...

Conferenza stampa di presentazione "Inexorable", 4 dicembre, Circolo Culturale La Corte dei Miracoli – Milano. di Giuseppe Verrini Inesorabile Casale. Ancora, più forte di prima, torna la voglia di raccontare di ...

Cluster

Steps

Se vogliamo trovare un merito a X Factor è quello di aver fatto conoscere a un pubblico più vasto l'esistenza di questa formazione vocale. In America se ne erano già accorti tanto da tributargli dei premi nelle loro classifiche di settori. Come spesso accade in Italia ci svegliamo tardi, ma c'è sempre tempo per redimersi. Acquistando ad esempio questo album che è destinato agli appassionati di vocalità, di jazz, di pop di livello, ma forse più semplicemente di buona musica. Non ci sentiamo di affermare che questo è il lavoro della maturità dei Cluster, anche perché ci auguriamo che abbiano ancora molta strada davanti a loro. Ma che è un lavoro maturo lo possiamo sottoscrivere tranquillamente. Per bravura e caratteristiche vocali possono essere paragonati a uno dei loro modelli, i New York Voices, e possono andare a testa alta in Europa per confrontarsi con Real Group, Witloof Bay, Rajaton, ovvero le formazioni contemporary a Cappella più note del continente. Soprattutto Steps ha un grande pregio, quello di presentare molte tracce originali insieme a versioni di brani famosi. Un atto di coraggio, ma che dovrebbe essere un fatto normale per un musicista. La batteria vocale raggiunge livelli eccellenti, base di sonorità quasi orchestrali. Steps e Could It Be dimostrano già dall'inizio la propensione naturale al linguaggio jazz del gruppo, uno stile contemporaneo che non indugia sugli standard. E al tempo stesso la formazione sa come emozionare in brani più lenti come Love of my Life (Queen) e soprattutto la conclusiva Hallelujah di Leonard Cohen. Unica concessione all'italiano è la versione di Mi sono innamorato di te di Luigi Tenco. Ma ce ne facciamo una ragione: far grande il Made in Italy non è solo una questione di lingua.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Cluster
  • Anno: 2009
  • Durata: 55:27
  • Etichetta: Enterprise 8/Self

Elenco delle tracce

01 Just Kidding
02 Steps
03 Could It Be
04 One Note Samba
05 Simple Words
06 I Wish
07 Mi Sono Innamorato Di Te
08 Começar De Novo (The Island)
09 Fake
10 224
11 Spain
12 Love Of My Life
13 Unthought
14 Hallelujah

Brani migliori

  1. Could It Be
  2. Love Of My Life
  3. Hallelujah

Musicisti

Liwen Magnatta: voce Letizia Poltini: voce Luca Moretti: voce Erik Bosio: voce Nicola Nastos: voce Colin Santosa: pianoforte in 01