ultime notizie

Mille anni ancora - 3 settembre a ...

Continua, in direzione ostinata e (giustamente) contraria la voglia di ricordare uno dei padri della nostra storia musicale, Fabrizio De André. Come sempre molti gli artisti e le band che ...

Alessio Pianelli

Sulla Quarta

Una suite suddivisa in quattro movimenti scritta dal suo maestro al Conservatorio "V. Bellini" di Palermo Giovanni Sollima, compositore e violoncellista palermitano, una suite in sei movimenti, la N°4 in Mi maggiore, opera di J. S. Bach, ed infine una composizione originale, per due violoncelli, dal titolo Sulla Quarta. Si presenta strutturato in questo modo il secondo lavoro di Alessio Pianelli, talentuoso e giovanissimo violoncellista siciliano che, a fronte di un’attività concertistica davvero turbinosa e densissima, è riuscito nell’impresa, invero ardua visti gli impegni, di realizzare anche un paio di album come solista: Prelude, uscito nel 2014 e questo Sulla Quarta che trae il titolo dal brano, da lui composto, ed inserito nel cd.

Il violoncello, di per sé, è uno strumento davvero strano, che ha manifestato mai sopite velleità solistiche spesso accantonate in favore di un utilizzo di tipo orchestrale; eppure, anche in altri ambiti musicali, non sempre strettamente contigui alla musica classica se si esclude qualche gruppo, appartenente al progressive rock degli anni ’70, come ad esempio i Gentle Giant, ha trovato un suo spazio non secondario: Rondò Veneziano, Pooh, Perturbazione, per restare in Italia, ma anche Madredeus, Nirvana, Pink Floyd, David Gilmour, Page & Plant, Oasis, Sinead O’ Connor,  per arrivare anche band prossime al genere metal quali Apocalyptica, Rasputina ed Evanescence. Pianelli tuttavia, in totale solitudine, ne esplora, con un piglio decisamente aggressivo ed impetuoso, le ampie e variegate possibilità espressive attraverso un’interpretazione ispirata e molto dinamica delle due suite che ha voluto prendere in considerazione, dimostrando quanto lo strumento sia davvero in grado di reggere uno sforzo solista senza la necessità di essere accompagnato.

Nessuna concessione, in questo caso, ad effetti o a qualsivoglia tipo di elettronica, ma un rigore interpretativo ed esecutivo assoluto, per un lavoro che non concede nulla ad ambiti che non siano la musica classica nella sua espressione più genuina ed autentica. Anche il brano originale Sulla Quarta for two cellos ricalca lo stile dei precedenti, aggiungendovi un brio ed una brillantezza davvero notevoli oltre a passaggi interessanti, e decisamente attuali, dovuti anche alla sovrapposizione dei due violoncelli che si intersecano nell’esecuzione. Traspaiono, anche in questa occasione, la padronanza tecnica, la precisione, l’intensità ed, in alcuni passaggi, il virtuosismo di Pianelli, strumentista davvero di livello assoluto non a caso definito un vero e proprio “asso del violoncello” da Luigi Fait, critico musicale di lunghissimo corso e di grande esperienza.

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Gianluca Cangemi, Luca Rinaudo, Danilo Romancino
  • Anno: 2017
  • Durata: 47:48
  • Etichetta: Almendra Music

Elenco delle tracce

01. Giovanni Sollima – The songlines for cello solo I
02. Giovanni Sollima – The songlines for cello solo II
03. Giovanni Sollima – The songlines for cello solo III
04. Giovanni Sollima – The songlines for cello solo IV (Il sogno spezzato di Rita Atria)
05. J. S. Bach – Unaccompanied Cello Suite N°4 in E-flat major, BWV 1010 - Prelude
06. J. S. Bach – Unaccompanied Cello Suite N°4 in E-flat major, BWV 1010 - Allemande
07. J. S. Bach – Unaccompanied Cello Suite N°4 in E-flat major, BWV 1010 - Courante
08. J. S. Bach – Unaccompanied Cello Suite N°4 in E-flat major, BWV 1010 - Sarabande
09. J. S. Bach – Unaccompanied Cello Suite N°4 in E-flat major, BWV 1010 - Bourreèe
10. J. S. Bach – Unaccompanied Cello Suite N°4 in E-flat major, BWV 1010 - Gigue
11. Alessio Pianelli – Sulla Quarta for two cellos

Brani migliori

  1. Giovanni Sollima - The songlines for cello solo II

Musicisti

Alessio Pianelli: cello