ultime notizie

10-11-12 settembre: Musica da Bere 2020

  L’undicesimo appuntamento con “Musica da Bere” - che anch’essa ha dovuto fare i conti con il Covid19 - sarà una tre giorni, con un’anteprima e due serate finali con ...

Barovero

Sweet Limbo

Il Fabio Barovero del dopo-Mau Mau torna a colpire con un nuovo lavoro che costituisce l'ennesima tappa di un percorso iniziato dall'artista verso la metà degli anni Zero. Avventurandosi nel mondo della musica per immagini, Barovero ha sviluppato un nuovo linguaggio, che accosta i suoni più disparati: dalle campionature al pianoforte, dagli archi alle voci. Trattandosi di musica per accompagnamento, è impossibile non notare come gli spazi appaiano estremamente dilatati: spesso le incursioni sonore dello strumento in primo piano, quando c'è, risultano diluite in un sottofondo volutamente scarno che solo a tratti riesce a valorizzarle. Risulta così difficile a volte cogliere passaggi pregevoli, cambi di suono e timbriche altamente studiate che giocano sul contrasto stridente tra i gelidi pad elettronici e la placida maestosità del pianoforte o degli archi.

Particolarmente interessante Mutazione, in cui compare, quasi un nostalgico ricordo, quella fisarmonica che gli ascoltatori hanno conosciuto in ben altri contesti, e ora dialoga con una stanca ma evocativa chitarra elettrica. Chiuse nei meandri di suggestioni a volte spiccatamente noise, sentiamo melodie sempre più costrette a sgomitare per arrivare alle nostre orecchie, proprio come il pianoforte di Sweet limbo, ossessivo e minimale, che si articola in un lento crescendo, in cui sempre più si impone il suono dei sintetizzatori. Molto gradevole anche Off Broadway, il brano composto per l'omonima mostra fotografica, l'unico ad avere un accompagnamento ritmico che lo rende sicuramente più appetibile e di più immediata fruizione.

Un disco molto interessante, anche se di difficile ascolto, una volta estrapolato dal suo contesto. Sarebbe da ingenui puristi ostinarsi a sostenere che il noise e le campionature non fanno parte di quasi tutti i registri musicali degli ultimi dieci anni, tuttavia l'intenzione di portarli in primo piano e dar loro la dignità di un pianoforte è ancora oggi una scelta coraggiosa e ardita che meriterebbe maggiore attenzione.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Fabio Barovero
  • Anno: 2010
  • Durata: 42:42
  • Etichetta: Felmay

Elenco delle tracce

01. Anatomia

02. Requiem in samba

03. Angels

04. Il confine

05. Fantasmi

06. Sweet Limbo

07. Mutazione

08. Off Broadway

09. La pietà

10 Anatomia 2

11 Sweet Life

Brani migliori

  1. Mutazione
  2. Off Broadway
  3. Requiem in samba

Musicisti

Fabio Barovero: piano, harmonium, accordion, accordion, all the keyboards
Federico Marchesano: contrabbasso
Davide Rossi: violini, violectre, arrangiamenti de "Il Confine"
Lorenzo Corti: chitarre elettriche ( Gretch)
Massimo Gigli: archi in La Pietà
Gilson Silveira: surdo "live" nel "Requiem in Samba"