ultime notizie

Nuovo singolo de La Scelta, un ...

  Dopo due anni d’attesa dal loro ultimo lavoro, lo splendido Colore Alieno, ritorna il gruppo La Scelta, una delle formazioni più interessanti del nostro panorama musicale. Le aspettative erano ...

Enzo Jannacci

The Best – Concerto, Vita, Miracoli (dvd+cd)

Chiudi gli occhi e rivedi la Milano in bianco e nero degli anni sessanta e settanta, quella della mala, dei bar/biliardi, delle latterie, dei circoli ricreativi; chiudi gli occhi e le facce di Beppe Viola, Giorgio Gaber, Gianni Rivera, Sandro Mazzola e Dario Fo ti guardano come fossero figurine; chiudi gli occhi e lo stadio di S.Siro non ha più il terzo anello, il Duomo “cola” del nero dello smog, le cinquecento e le seicento sfrecciano ai semafori, i tram sono tornati ad essere di colore verde scuro, il bigliettaio è al suo posto, in vettura, la dattilografa “al neon” di Piazza Duomo continua a battere a macchina chissà quale documento, lungo i Navigli solo qualche osteria, vera, alla buona, gente che gioca a carte e beve vino rosso, bicchieri Duralex, quelli che anche se cadono non si rompono, tovaglie a quadri, quelli che il Ticinese, il Giambellino, l’Ortica, Porta Romana, la Bovisa…

Ascoltare questo cd dal vivo di Enzo Jannacci, guardarlo cantare sul dvd, è un po’ come riappropriarsi degli anni dall’infanzia, della prima adolescenza, perché la sua forza evocativa, la sua capacità di far rivivere un mondo che è andato via via scomparendo non sono mutate nel tempo.

Certo, ci vorrebbe per lo meno un altro cd, ed il concerto avrebbe dovuto durare il doppio, e forse non sarebbe stato nemmeno sufficiente per  raccontare fatti, disegnare personaggi, ricordare episodi che hanno contribuito a creare la storia popolare di quartieri ormai entrati nella leggenda di questa città, e così spesso da questa stessa città stessa dimenticati, per ascoltare quel dialetto che era solo la voce della gente, non una moda, non una rivendicazione.

E poi, a voler essere pignoli, qualcuno manca all’appello: Giovanni, il telegrafista, che spediva i suoi messaggi con quel lontano “pippippirippirippippiri…”, e Vincenzina, la sua fabbrica, così disperatamente attuale malgrado il suo essere così lontana nel tempo. Ma ad Enzo vogliamo bene, e quello che non ci ha cantato direttamente ce lo ha fatto ugualmente tornare in mente, comunque, ed è bello anche così.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Paolo Jannacci, Toni Verona & Paolo Santoli
  • Anno: 2008
  • Durata: 211:41
  • Etichetta: Ala Bianca/Warner

Elenco delle tracce

Dvd:

01. Se me lo dicevi prima

02. El me indiriss

03. Il ladro di ombrelli

04. Presentazione Orchestra

05. Sei minuti all’alba

06. Andava a Rogoredo

07. Ma mi

08. Io e te

09. Parlare con i limoni

10. La fotografia

11. Via del campo

12. Mamma che luna che c’era stasera

13. El purtava i scarp del tennis

14. Faceva il palo

15. Ringraziamenti

16. Bartali

17. Ho visto un re

 

Cd:

01. El me indiriss

02. Il ladro di ombrelli

03. Se me lo dicevi prima

04. Sei minuti all’alba

05. Andava a Rogoredo

06. Ma mi

07. Io e te

08. Parlare con i limoni

09. Via del campo

10. El purtava i scarp del tennis

11. Faceva il palo

12. La fotografia

13. Bartali

14. Ho visto un re

Brani migliori

  1. El me indiriss
  2. Parlare con i limoni, Faceva il palo
  3. Faceva il palo

Musicisti

Enzo Jannacci: voce
Stefano Bagnoli:
batteria
Marco Ricci:
basso
Sergio Farina:
chitarra acustica, elettrica, cori
Michele Monestiroli:
sassofoni, armonica, cori
Daniele Moretto:
tromba, flicorno, cori
Paolo Jannacci:
pianoforte, fisarmonica, cori