ultime notizie

10-11-12 settembre: Musica da Bere 2020

  L’undicesimo appuntamento con “Musica da Bere” - che anch’essa ha dovuto fare i conti con il Covid19 - sarà una tre giorni, con un’anteprima e due serate finali con ...

Ivano Leva

The Rain of October

No, The Rain of October non è un disco per tutti.
No, non è un disco da ascoltare per rilassarsi.
Sì, Ivano Leva sfata il mito - o il cliché? - secondo il quale un disco di brani inediti per pianoforte solo sia necessariamente distensivo.

The Rain of October, ultima fatica del pianista campano, è un album talmente introspettivo, onirico, da risultare a tratti di difficile comprensione. Dawn, prima traccia dell’album, è quasi illusoria: dopo nemmeno quattro minuti di - piacevole - ascolto, l’autore ci porta in un vortice di sofferenza con Autumn Rainy Morning, secondo brano che apre un tripudio di sonorità che vanno dal classicismo rivisitato al jazz, fino ad arrivare ad un’improvvisazione quasi mistica ed epifanica.

Ripeto: non stiamo parlando di un disco semplice e la mancanza di uno stile unico e ben delineato non fa che complicare la fruizione di un’opera che, come ha più volte sottolineato l’artista stesso, è nata di getto a fronte di una profonda sofferenza personale. Sofferenza che si percepisce anche solo guardando la copertina, volutamente sfocata e dai toni cupi, scuri.

Unico filo conduttore, la pioggia. Quella di ottobre, che, come si legge nel booklet, “è morfologicamente diversissima sia da quella sbarazzina di fine estate che da quella romantica di pieno inverno”. Una pioggia descritta traccia per traccia dallo stesso autore, nonché una pioggia vissuta, a livello pianistico, in tutte le sue forme: la pioggia lieve, l’acquazzone, lo stormo violento che s’abbatte sui pensieri con sfacciato disprezzo

Un viaggio difficile, tortuoso, che si conclude con Endlessy, traccia che, pur riportando l’atmosfera su un piano più gentile, non cela comunque un’inquieta diffidenza nei confronti di un cielo all’apparenza azzurro, ma sul cui confine si stagliano le immancabili nuvole nere, che d’improvviso ritornano.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Anno: 2020
  • Durata: 55:38
  • Etichetta: NovAntiqua Records

Elenco delle tracce

01. Dawn
02. Autumn Rainy Morning
03. Through A Windshield
04. Words In The Rain
05. Light Gleams
06. Crystalizing
07. To My Soul
08. Thoughts
09. Fragrances
10. Raindrops
11. Deafening Silences
12. Endlessy

Brani migliori

  1. Dawn
  2. Endlessy
  3. Through a Windshield