ultime notizie

ChitArsNova 2019 torna con tre appuntamenti

Il progetto ‘ChitArs’ nasce in seguito ad una mostra di liuteria con prova pubblica degli strumenti nel settembre 2012 a Nova Milanese, nell’ambito del ‘Festival Novart’. A dare il ...

Thomas Guiducci

The true storyof a seasick sailor in the deep blue sea

“Ho sempre avuto un rapporto speciale con il mare. Chi nasce in una città di mare lo sa. Il mare non ti bagna soltanto. Il mare ti entra nel cuore, sotto la pelle, nelle narici, negli occhi, nella gola. Nell’anima.[…]” - Sale nell’anima di Thomas Guiducci

Thomas Guiducci è un musicista attivo nel panorama musicale italiano da oltre venti anni; dopo aver conosciuto Dario Lombardo, di cui sarà allievo, subisce la “folgorazione” per il Blues (in tutte le sue sfaccettature dal Delta al British) e di conseguenza si appassiona agli strumenti a corda tipici della tradizione folk. L'amore per questo genere di musica lo porta anche a curare vari progetti multimediali di divulgazione del Blues in Italia (ricordiamo il progetto Studio Blues). Nel 2010 decide di intraprendere la carriera solista insieme ai B-Folk Guys e nel 2011 pubblicherà il suo primo EP Live at Passerano Blues mentre l’anno successivo sarà la volta del primo album di inediti The Heart and The Black Spider (l’album vede la collaborazione anche di Andrea Scagliarini, Dario Lombardo e Simone Lombardo). Nel 2015 esce il 45 giri in vinile (!!) Junk-E Garage.

Ed eccoci così giunti ad Ottobre 2016, anno di uscita dell'atteso album The True Story of a Seasick Sailor in The Deep Blue Sea per la Good Luck Factory e co-prodotto da Luca Andriolo (Dead Cat in A Bag). Un album questo in cui tramite QR Code avremo anche la possibilità di scaricare (gratuitamente) un ebook, sia in italiano che inglese, contenete quattro racconti scritti dallo stesso autore con prefazione a cura di Marta Ciccolari Micaldi e traduzione di Kim Williams dal titolo 4 Storie per Marinai con il Mal di Mare.

In questo disco si nota subito che Guiducci ha effettuato un cambio di rotta rispetto al suo classico stile, fortemente legato al tipico sound di matrice Americana, verso un sound più personale, ricercato, con arrangiamenti decisamente ben strutturati e sotto alcuni aspetti piacevolmente cantautoriale. I rimandi, presenti in questo suo ultimo disco, verso personaggi del calibro di Tom Waits e Cohen si fanno trasportare come il profumo di salsedine in una giornata di vento: leggeri, presenti ma al contempo mai invasivi. All'interno dei vari pezzi, otto più un bonus track per l'esattezza, che compongono l'album si denota una profonda e ben riuscita ricerca da parte di Guiducci verso un'atmosfera caratterizzante; un'atmosfera che non si ferma al singolo racconto (ci troviamo davanti a delle vere e proprie narrazioni) ma che anzi fa sì che ognuno sia parte integrante di un progetto più ampio che senza timore alcuno possiamo definire concept (composto per l'occasione non solo da canzoni ma anche da racconti e immagini).

L'album si apre con Seasick Sailor: i gabbiani in sottofondo, il suono del clarinetto (che magnifico atmosfera alla Dalla maniera) insieme a quello della tromba e trombone (con sonorità dixie) che da lì a poco si affacciano conducendoci al ritmo di una ballata folk/jazz all'interno di atmosfere che riecheggiano New Orleans. Le atmosfere folk, in questo caso con una strizzatina d'occhio a quelle balcaniche le troviamo anche in Hangover Song (brano che tra l'altro vede la partecipazione e co-produzione di Luca “Swanz” Andriolo). E il blues? Il blues tanto caro all'autore è comunque presente nell'album e ve ne troviamo traccia, ad esempio, in This is not a love song, un blues acustico che ci trascina lungo le rive fangose del Mississippi e in Mrs. Hope in cui il tipico sound si tinge invece di rock. Altro brano degno di nota (davvero arduo scovarne uno che non lo sia) è Jericho Rose con il suo tipico desert-sound e con in bella mostra l'impeccabile sezione ritmica e il solo di chitarra (sarebbe davvero riduttivo per l'album soffermarsi ai rimandi sonori...a voi il divertimento).

In conclusione questo di Guiducci è decisamente un gran bell'album in cui il nostro ha saputo dare prova di doti autoriali di livello. Consigliato!

 

 

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Thomas Guiducci    
  • Anno: 2016
  • Durata: 42:52
  • Etichetta: Good Luck Factory

Elenco delle tracce

01. Seasick Sailor
02. Hangover song (feat Luca Swanz Andriolo)
03. This is not a love song
04. Ghost Town
05. Jericho Rose
06. Mrs. Hope
07. Orange Moon
08. The Magpie
09. Empty Shells (bonus track)

Brani migliori

  1. Seasick Sailor
  2. Jericho Rose

Musicisti

Thomas Guiducci: voce, chitarra, mandolino, banjo, digital samples - Stefano Il Cardinale Chiappo: tromba, flicorno, piano, organo - Roberto Tatoni: basso elettrico, contrabbasso - Piero Supino: batteria
Ospiti: Luca Swanz Andriolo (Dead Cat in a Bag): chitarre, banjo, balalaika, cimbali, voce - Marta Antolovich: trombone - Lorenzo Lord Theremin Giorda: theremin - Francesca Musnicki: violino - Adeline Mélo: clarinetto - Roberto Necco: banjo