ultime notizie

I Perturbazione raccontano l’uscita di ...

La data di pubblicazione dell’ottavo disco in studio dei Perturbazione, fissata in origine per il 20 marzo, a causa del Covid-19 e dei conseguenti problemi di distribuzione, è slittata di ...

Andrea Marti

Traditional man

C’è chi scrive dischi e non vede l’ora di cantarseli e suonarseli e c’è chi invece scrive per un intera vita per altri e si trova a pubblicare il suo esordio alla soglia dei cinquanta, come nel caso di Andrea Marti e il suo Traditional Man, album appassionato e godibile di ballate di puro folk americano. Marti è un cantautore genovese, attivo sulla scena country-rock e bluegrass italiana dal 1979. Polistrumentista ed autore, ha composto più di settecento brani ed ha fatto parte di molte formazioni come i Green Cellar, i Fried Chicken e ultimi gli Hocus Pocus. In passato si è esibito più volte in duetti o trii acustici con Paolo Bonfanti e Beppe Gambetta, che hanno deciso così di produrre il suo primo disco.
Gli amanti del bel suono westcoastiano di Neil Young qui non rimarranno sicuramente delusi, ma l’intento filologico, la semplicità ed una fin troppo attenta cura a certi particolari “tipici” fanno sembrare i brani di Marti dei modesti omaggi a grandi musicisti, con poco spazio a spunti fantasiosi e originali. Anche i testi risentono di un inglese un po’ stentato e le tematiche che nella tradizione del “Travelling man” americano hanno un senso fondato, vengono perse in “pagine polverose” e musica un po’ retorica, cosa che vale sia per il country-rock scoppiettante di Dust from the page ma anche per le malinconiche storie di incontri sbagliati di Raincoats. Ad amalgamare il tutto una serie di ottimi musicisti, tra cui le chitarre prima acustiche poi elettriche di Bonfanti, che si rincorrono e si fondono tirando a lucido l’intera opera.

“Traditional man” è un disco meditato per trent’anni che inneggia a costruirsi la propria vita, le proprie tradizioni, sulla propria pelle senza perdersi nella mediocrità. Andrea Marti è un uomo “tradizionale” che cammina per strade polverose come se fossero ancora gli anni settanta, rimanendo immerso nei suo mondo di ricordi. Scrive di cowboy urbani, del mito del suo viaggio americano (pare infatti che non sia mai stato negli Stati Uniti), ed interpreta il tutto ciò a modo suo, come con gli occhi di un adolescente, frammenti di sogni, di vita vissuta a fondo. Per appassionati.

0 commenti


Iscriviti al sito o accedi per inserire un commento


In dettaglio

  • Produzione artistica: Paolo Bonfanti, Giorgio Ravera, Luciano Angelini & Alessandro Maggiori
  • Anno: 2008
  • Durata: 49:05
  • Etichetta: Club de Musique Records

Elenco delle tracce

01. Dust from the page
02. Desert ballads
03. Night trains don’t bring you nowhere
04. I wrote A.M on every wall
05. Little Jimmi again
06. Traditional
07. Raincoats
08. Provo Utah
09. An Angel when she sings
10. In time to come
11. Three vipers in the heart (and a beaver in the head)
12. Letters

Brani migliori

  1. Raincoats
  2. Dust from the page
  3. In time to come

Musicisti

Andrea Marti: electric, acoustic guitars, lead vocals, baritone guitar, mandolins, dobro, lead & backing vocal, harmonica
Paolo Bonfanti
: background vocals, acoustic, electric, rhythm, slide and lead guitars
Martino Coppo
: mandolin
Antonio Capelli
: violin
Giorgio Ravera
: Hammond organ, acoustic, rhythm, baritone guitars
Rosalba Grillo
: bass
Massimiliano Di Fraia
: drums, cajon
Alessandro Pelle
: egg maracas, drums
Roberto Parodi
: electric guitar
Nicola Bruno
: upright bass
Fulvio Diclemente
: Trumpet
Stefano
e Giorgio Cavallo: Hammond organ
Alberto Giordano
: gretsch, rhythm, slide guitars